Cultura, Ad Ariccia la Biblioteca viene a casa tua

107

(MeridianaNotizie) Ariccia, 26 febbraio 2021 –  Giovedì 4 Marzo prenderà il via il nuovo servizio di prestito a domicilio promosso dal Comune di Ariccia in collaborazione con l’Associazione Start, il Consorzio SCR e la Protezione Civile di Ariccia.In un periodo in cui le attività quotidiane sono rese più difficili dalla pandemia in atto, il Comune di Ariccia permette a tutte le cittadine e i cittadini in difficoltà, di accedere ad un servizio culturale essenziale. I lettori e le lettrici di ogni età potranno contattare la Biblioteca Attiva e ricevere gratuitamente e direttamente a casa propria il libro desiderato grazie al servizio della Protezione Civile che si occuperà anche della restituzione.
Il servizio di consegna e ritiro sarà attivo ogni giovedì a partire dal mese di Marzo. Avranno accesso al servizio tutti i tesserati della Biblioteca Attiva. La tessera è gratuita e attivabile anche in remoto attraverso il catalogo o contattando la biblioteca. Il servizio permette di scegliere i libri da prenotare attraverso il catalogo online ma anche contattando le bibliotecarie, disponibili a dare consigli di lettura in base agli interessi specifici di ciascuno.
Un’iniziativa per combattere l’isolamento e contribuire a tenere viva la voglia di scoprire, viaggiare, conoscere e incontrare di cui i libri sono grandi alleati. Un ringraziamento speciale va alla Protezione civile di Ariccia e al coordinatore Roberto Nonni che si è  subito reso disponibile a dare il proprio contributo al progetto.

Così in una nota congiunta il sindaco Gianluca Staccoli e la consigliera con delega ai rapporti istituzionali con le associazioni del territorio Anita Luciano”.

 

Catalogo online: http://bibliotecattivaariccia.isln.it/
Email: [email protected]gmail.com
Telefono: 069332010
La Biblioteca Attiva segue i seguenti orari:
Lunedì: 15.00-19.00
Martedì: 09.00-13.00
15.00-19.00
Mercoledì: 15.00-19.00
Giovedì: 15.00-19.00
Venerdì: 09.00-15.00

Articolo precedenteABBRESCIA, UGL RIDER: “733 MILIONI DI EURO RAPPRESENTANO LA FINE DELL’ONLINE FOOD DELIVERY IN ITALIA”
Articolo successivoRider. Gabriele Fava, giuslavorista: “Valutare obbligo prestazione per verifica subordinazione”