Capitale: Benvenuti-Rosati, ieri e oggi inutile e demagogico blocco veicoli

85

(MeridianoNotizie) – Roma, 26 febbraio 2021 – Ieri ed oggi sono  il quinto e il sesto giorno consecutivi di blocco per i veicoli più inquinanti, reso necessario secondo il Campidoglio in quanto è stato registrato uno sforamento dei limiti massimi di PM10.  Oltre a fare cassa, con le multe, ancora una volta chiediamo di conoscere esattamente quanto sarà  diminuito l’inquinamento con questo blocco della circolazione.

E’ il commento di Piergiorgio Benvenuti responsabile della Consulta Ambiente di Forza Italia a Roma e Presidente del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale e di Fabio Rosati, Vice Presidente di Ecoitaliasolidale.

In questi anni si è fatta solo demagogia ed i blocchi delle auto la domenica non hanno  dato risultati positivi per l’aria che respirano i romani.  Vorremmo ricordare che  Roma è fra le peggiori città italiane in tema di  performance ambientali e vivibilità, anche secondo il  dossier Ecosistema urbano 2020.

La Capitale è  all’89esima posizione, in fondo alla classifica per le scarse performance ambientali,  peggio nel Lazio solo Latina al 98esima posizione. Ed i problemi con questa amministrazione guidata dalla Sindaca Raggi sono sempre gli stessi, la gestione del ciclo dei rifiuti, il fallimentare trasporto pubblico che versa in condizioni disastrose,  la presenza nell’aria di  Biossido di Azoto (NO2) in eccesso, 43,5 microgrammi per metro cubo di aria, e su tale parametro Roma è addirittura al quintultimo posto a livello nazionale. Anche ciò dimostra che non hanno alcuna valenza positiva le consuete domeniche ecologiche. Anche un recente  studio dell’Istituto per la bioeconomia del Cnr ha preso in esame le principali  città italiane durante il periodo di chiusura dovuto al Covid-19, con la riduzione del traffico veicolare del 48-60%. È emersa una significativa riduzione dei livelli di biossido di azoto, ma non della concentrazione di polveri sottili. Ad una riduzione dei soli livelli di biossido di azoto (NO2), le concentrazioni di polveri sottili (PM2.5 e PM10) si sono ridotte in misura minore, mentre quelle di ozono (O3) sono rimaste invariate o addirittura in molti casi aumentate, a Roma addirittura vi è stato un incremento del 14.7%.

Quindi –proseguono  Benvenuti e Rosati – il blocco delle auto per una giornata crea  solo disagi ai cittadini ed alle attività commerciali,  l’unico a beneficiare il Comune che incassa le multe.

In questa particolare situazione chiediamo –proseguono Benvenuti e Rosati – di sospendere la pratica delle Domeniche ecologiche a Roma, inutili e dannose, come le due ultime giornate di stop dei veicoli, adottando ben altre soluzioni come il controllo dell’emissione dei riscaldamenti soprattutto dei grandi uffici e delle mega strutture commerciali, un adeguato e più moderno trasporto pubblico, l’effettivo utilizzo dei mobility manager, mobilità alternative, la necessità di sforzi costanti di decarbonizzazione in tutti i settori emissivi. Ora attendiamo da Roma Capitale, con la massima trasparenza i dati dell’inquinamento della giornata di domani, sollecitando ancora una volta soluzioni efficaci a difendere l’ambiente –concludono  Benvenuti e Rosati – non certo le demagogiche ed inutili  stop alla circolazione ”.

Articolo precedenteLa Street Art risponde presente a Marta e Valentano 
Articolo successivoLanuvio, al via martedì 2 marzo i lavori di manutenzione straordinaria stradale a Campoleone