Costa laziale: Benvenuti-Caruso, record negativo, dall’inizio del 2021 una tartaruga spiaggiata ogni due giorni

116

(MeridianaNotizie) – Roma, 15 marzo 2021 – Le forti mareggiate di questi giorni proseguono a determinare spiaggiamenti di delfini  e tartarughe marine sulla costa laziale.

L’ultimo episodio è avvenuto, in queste ore, nella battigia di Ardea,  dove è stato ritrovato un delfino  adulto maschio senza vita, il precedente episodio era avvenuto lo scorso febbraio a Sabaudia. Per quanto riguarda le tartarughe marine, vi è purtroppo un record negativo dall’inizio del 2021, con più di un esemplare spiaggiato ogni due  giorni, come riferisce TartaLazio.  Una percentuale che supera ampiamente il totale dei ritrovamenti nell’intero semestre degli anni passati. Episodio positivo invece in queste ore con una tartaruga recuperata ancora viva nei pressi della spiaggia libera di Tor San Lorenzo e tratta in salvo.

E’ il commento di Piergiorgio Benvenuti e Cinzia Caruso, rispettivamente Presidente del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale e responsabile del Dipartimento Tutela e Difesa degli Animali dell’Associazione.

Ricordiamo ancora una volta  –proseguono gli esponenti di Ecoitaliasolidale – che si stima  nel 2050 una presenza maggiore di rifiuti che pesci in acqua e le tartarughe sono fra gli esemplari a maggior rischio, infatti sempre più frequentemente ingoiano la plastica scambiandola per meduse per sbaglio o per altre gustose prede. Ed oltre la plastica vi è un altro pericolo per la vita delle tartarughe, ami e reti abbandonate che causano il decesso.

Ogni anno nel Mediterraneo –ricordano  Benvenuti e Caruso-  sono oltre 130mila le tartarughe marine Caretta Caretta che rimangono vittime di catture accidentali da parte dei pescatori,  con oltre 40mila casi di decesso.

In questi ultimi tempi si è affacciato un altro pericolo, l’abbandono delle mascherine che alla fine arrivano ad inquinare spiagge e mare.  Se la stima è veritiera si utilizzano 129 miliardi a livello globale ogni mese, ovvero 3 milioni al minuto ed una piccola percentuale mal conferita fra i rifiuti potrebbe creare un effetto enorme sull’inquinamento dei mari.

Ricordiamo come le mascherine usa e getta sono sostanzialmente prodotte in plastica, quindi  non  rapidamente biodegradabili, quindi si frammentano  in micro e nanoplastiche che si diffondono negli ecosistemi.

E’ necessario intervenire immediatamente per non far soffocare il mare dalla plastica e dagli inquinamenti e  per la costa laziale chiediamo interventi tempestivi con risorse da destinare direttamente ai Comuni interessati. Inoltre  invitiamo le Istituzioni a sensibilizzare maggiormente chiunque a non lasciare rifiuti ed oggetti di plastica in mare o sulle spiagge, invitando i pescatori  ad evitare di abbandonare reti, ami e funi in mare. Procedere –concludono Benvenuti e Caruso – con una maggiore pulizia meccanica degli arenili, come evitare l’inquinamento luminoso dei lungomare che possa contribuire a disorientare pesci, le tartarughe, compresi  i delfini.

Articolo precedenteVaccini. Paolo Capone, Leader UGL: “Ok stanziamento di 5 miliardi di euro per acquisto e distribuzione per uscire da crisi”
Articolo successivoAstraZeneca. Regimenti (Lega): “Dall’EMA poca chiarezza, mentre arriva stop da Italia, Germania e Francia”