Enti Locali, Volpi (FDI): “Province e Città metropolitane a rischio default, Governo intervenga con urgenza”

87

(MeridianaNotizie) Roma, 24 marzo 2021 – “Con la sentenza della Corte di Cassazione del 23 ottobre 2019, n. 27099 , che ha stabilito l’illegittimità dell’addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica pagata per il biennio 2010-2011 le Province e le Città metropolitane rischiano il default dovendo accantonare decine di milioni di euro per approvare i bilanci di previsione 2021.

La Città metropolitana di Roma, se l’attuale Governo non troverà una rapida soluzione, dovrà fare fronte ad una spesa non prevista di 24 milioni di euro mentre la Città metropolitana di Milano dovrà impegnarsi per una cifra pari a 130 milioni di euro. Accantonare tali somme per ottenere il via libera dei revisori dei conti sui bilanci comporterebbe da un lato il fallimento degli Enti meno virtuosi, dall’altro la paralisi di quelli con maggiore capacità di intervento.

Le Province e le Città metropolitane hanno bisogno di essere rilanciate, finanziate e riabilitate alle funzioni costituzionali per garantire ai cittadini servizi adeguati, una strategica pianificazione del territorio, progettazioni per il Recovery Fund, scuole e strade sicure”.

Sono le parole di Andrea Volpi, Vice Presidente del Dipartimento Nazionale Autonomie Locali di Fratelli d’Italia con delega alle Città metropolitane.

Articolo precedenteAgroalimentare. Squeri, DG Steriltom: “Orgogliosi del grande risultato per Italtom Group, tra i primi al mondo fra le aziende del settore” 
Articolo successivoRIDER, ASSODELIVERY: IN PRIMA LINEA PER LOTTA AL CAPORALATO