Vaccini. Paolo Capone, Leader UGL: “Ok stanziamento di 5 miliardi di euro per acquisto e distribuzione per uscire da crisi”

110
(MeridianaNotizie) Roma, 15 marzo 2021 – “Le nuove restrizioni in vigore a partire da lunedì 15 marzo corrispondono a un nuovo lockdown di fatto, le cui conseguenze avranno un impatto rilevante sul piano economico e sociale. Certamente la differenza di metodo rispetto al governo precedente non è di poco conto. La scelta di adottare un Decreto legge in luogo del Dpcm a cui eravamo abituati, viene incontro alla richiesta di maggiore coinvolgimento da parte delle forze politiche. Come ribadito in più occasioni dall’UGL, la pandemia non può giustificare l’esautorazione del Parlamento e la sospensione della democrazia. Oltre agli aiuti a imprese e lavoratori, al tempo stesso è cruciale implementare la campagna vaccinale per traghettare il Paese fuori dalla crisi sanitaria. È positivo, dunque, lo stanziamento di 5 miliardi di euro per l’acquisto e la distribuzione dei vaccini come, peraltro, l’annuncio da parte del Ministro Giorgetti della creazione di un polo di produzione nazionale. Sotto il profilo occupazionale, è cruciale adottare strumenti legislativi volti a disciplinare lo smart working, una realtà destinata a diventare sempre più stabile e diffusa nei prossimi anni. È indispensabile, pertanto, stabilire garanzie adeguate al fine di incrementare le tutele, la flessibilità e l’innovazione rispondendo così alle radicali trasformazioni in atto nel mondo del lavoro”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle nuove restrizioni disposte dal Governo.
Articolo precedenteViolenza donne. Regimenti (Lega): “Inserire aggravante femminicidio nel codice penale italiano”
Articolo successivoCosta laziale: Benvenuti-Caruso, record negativo, dall’inizio del 2021 una tartaruga spiaggiata ogni due giorni