Serie A, Juve-Lazio, conta solo la vittoria…il pareggio è una mezza sconfitta per entrambe

140

(Meridiananotizie) Torino, 6 marzo 2021 – La Lazio è volata ieri a Torino per affrontare, nell’anticipo di questa sera in programma alle ore 20,45 allo “Allianz Stadium“, i campioni d’Italia.

Gara importantissima per entrambe le squadre: per la Juventus in ottica del primo posto che ancora può essere alla sua portata, anche se l’Inter sembra aver preso il largo; per la Lazio in ottica qualificazione alla prossima competizione di Champions League.

Tra le due squadre, quella che rischia di più oggi è, comunque, la Lazio, in quanto un ulteriore passo falso la taglierebbe fuori, salvo rocamboleschi e imponderabili, per usare un termine tanto caro al Presidente Lotitio, circostanze che dovessero presentarsi nella  corsa alle posizioni in classifica utili per accedere di diritto alla prossima stagione di Champions League e non solo, rischierebbe anche di compromettere una stagione intera, qualora dovesse mancare anche la qualificazione in Europa League. Cosa, quest’ultima, da non sottovalutare, visto che le squadre che si giocano le qualificazioni alle competizioni europee, sono raggruppate tutte in 6 punti, tra i 43 della Lazio che ha una partita in meno e deve attendere l’esito della gara non disputata contro il Torino per sapere se verrà data vinta a tavolino o se si dovrà recuperare e i 49 della Juve, anch’essa con una partita in meno ma per cui è già stato deciso che si recupererà. Inoltre la Lazio, da parte sua, ha anche a che fare con chi vorrebbe vederla penalizzata di qualche punto a causa di una presunta positività al Covid-19 da parte di immobile in una gara passata.

Diciamo questo, non per essere disfattisti e vedere tutto “nero”, ma per evidenziare le insidie che può nascondere per la Lazio la gara odierna e per cui quest’ultima non può più permettersi di sbagliare fino alla fine del Campionato, anche in ragione di possibili  (speriamo di no) eventuali punti di penalizzazione che la vedrebbero retrocedere in classifica.

Le novità questa in casa Lazio, possono essere rappresentate dal possibile inserimento di Lulic come esterno sinistro e dall’altra parte, Farres; dietro la difesa si dovrebbe presentare con Reina in porta e davanti a lui Hoedt e ai suoi lati, rispettivamente, a destra Marusic (indietreggiato sulla linea dei difensori centrali) e a sinistra Acerbi; in mezzo al campo il solito Leiva e interni Milinkovic-Savic a destra con Luis Alberto a sinistra; davanti, Mister Inzaghi sembrerebbe propenso a riproporre la coppia d’attacco Corea-Immobile.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara

Pirlo“La Lazio è una grande squadra, ha un gioco ben definito, i risultati parlano per loro. Hanno fatto un ottimo cammino, sappiamo di incontrare una squadra che lotterà fino alla fine per il campionato. La stiamo preparando sapendo anche quelle che sono le loro caratteristiche. Tutte le partite sono decisive per la Juventus. Adesso c’è la Lazio, sono abituato a pensare di gara in gara. Il presente è la partita di domani: poi dopo ci sarà il Porto in Champions. Stamattina (‘ieri’ – NDR) qualcuno si è allenato in parte con la squadra, ma abbiamo ancora un giorno per recuperare qualche giocatore. Peccato per Bentancur, ci costringerà a fare altre scelte di formazione”.

“Non abbiamo una rosa lunga a centrocampo e quindi ci inventeremo qualcosa. Fagioli? Potrebbe giocare dall’inizio, sa cosa deve fare ed è sicuro. Già con lo Spezia avrebbe potuto iniziare, ma ha avuto un problema. De Ligt non si è ancora allenato. Ha preso una contusione a Verona e vedremo domani come starà. Bonucci ha fatto una parte di allenamento con noi oggi, ma anche lui non è al 100% e nelle migliori condizioni per partire dall’inizio. Morata sta meglio, ogni giorno che passa cerca di incrementare la sua forma fisica. Speriamo che possa fare più di 30 minuti. Arthur? La visita ieri è andata bene, il dolore sta diminuendo. Speriamo possa darci una mano nelle prossime partite”.

“Noi sappiamo quello che dobbiamo fare. Il progetto va avanti: sappiamo che non dobbiamo sbagliare, ma abbiamo questo in testa. McKennie? Non mi ha sorpreso, il riscatto deve essere un nuovo punto di partenza. Mi avete fatto sempre la stesa domanda sull’Inter. Loro hanno vinto e noi abbiamo vinto. Se vinceranno tutte le domeniche, vincerà il campionato. Siamo in competizione su tutti i fronti: finché ci sarà speranza, noi continueremo a lottare per lo scudetto. Altrimenti, se vincerà qualcun altro, gli faremo i complimenti”.

“Siamo contati, Ronaldo ha stretto i denti e lo farà ancora. Ha dimostrato di essere un professionista, dando sempre l’esempio per la squadra e il gruppo. Dai tamponi è risultato positivo Bentancur, poi è uscita la notizia sl portiere dello Spezia. Se c’è un focolaio lo sapremo dai prossimi controlli. Aaron sta bene, è in forma, può essere della partita contro la Lazio. Ha giocato a Verona ed è entrato bene contro lo Spezia: domani potrà essere una risorsa in più a centrocampo e potremo avere bisogno di lui”.

S. Inzaghi –Immobile era molto dispiaciuto dopo il rigore sbagliato, si sentiva in colpa ma capita a tutti. Ha giocato nel migliore dei modi come tutti. Non credo che la Juve sia distratta dalla Champions League. La conosciamo, ci abbiamo fatto tante finali anche. Sarà concentrata sul campo. Per domani (‘oggi’ – NDR) abbiamo tre assenze sicure: Luiz Felipe, Radu e Lazzari. Abbiamo provato delle alternative, ma ci sono difficoltà oggettive. Domani (‘oggi’ – NDR) c’è un piccolo allenamento e ho 24 ore per decidere. Questa settimana ci è servita soprattutto per analizzare cosa non è andato contro il Bayern Monaco. La Lazio e L’Atalanta sono le squadre che cercano di restare aggrappate al carro. La partita arriva in un momento giusto, noi abbiamo defezioni come anche loro. Sarà decisiva per la classifica, avrà una grande importanza. Sappiamo di dover fare la partita perfetta dopo la sconfitta di Bologna“.

Le probabili formazioni

JUVE (4-4-2) – Szczesny; Cuadrado, Danilo, Demiral, Alex Sandro; Bernardeschi, Mckennie, Rabiot, Chiesa; Kulusevski, Ronaldo.

All. Pirlo.

A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Bonucci, De Ligt, Dragusin, Di Pardo, Peeters, Fagioli, Ramsey, Rafia, Da Graca, Morata.

LAZIO (3-5-2) – Reina; Marusic, Hoedt, Acerbi; Lulic, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Fares; Correa, Immobile.

All. Inzaghi.

A disposizione: Strakosha, Alia, Patric, Musacchio, Parolo, Cataldi, Escalante, Akpa Akpro, A. Pereira, Caicedo, Muriqi.

La squadra arbitrale, VAR e AVAR

Arbitro: Massa di Imperia

Guardalinee: Meli e Alassio

Quarto uomo: Piccinini

Var: Di Bello. Avar: Peretti

Dove vedere in diretta la gara in TV e Streaming

Il match tra Juve e Lazio, con fischio d’inizio alle ore 20.45 all’Allianz Stadium, sarà visibile su Dazn e Dazn 1 (canale 209).

  • articolo di Massimo Catalucci
Articolo precedenteCava dei Selci(Marino): una bombola di ossigeno “parcheggiata al Parco”
Articolo successivo8 marzo, all’Istituto Baffi di Fregene l’installazione artistica di Vito Bongiorno