Anzio, proroghe appalti del verde: sentenza di assoluzione per Valentina Salsedo

114

Tutti assolti perché “il fatto non costituisce reato”.  L’assessore allo spettacolo e al turismo Valentina Salsedo, insieme a suo marito Ernesto Parziale, l’ex assessore Patrizio Placidi, l’ex dirigente  Walter Dell’Accio e gli imprenditori Pietro Leoni e Franco, sono stati assolti quest’oggi dal Tribunale di Velletri dopo il rinvio a giudizio nel processo, avviato nel 2018 per le proroghe degli appalti per la cura del verde di Anzio. A commentare la notizia, è direttamente Valentina Salsedo.

L’Assessore del Comune di Anzio, Valentina Salsedo, sulla sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Velletri

“È stato un percorso che mi ha segnato, ma oggi è un altro giorno che mi ripaga di tante amarezze e di tante sofferenze. Mi auguro che lo stesso clamore mediatico riservato alla mia vicenda giudiziaria, sia oggi dedicato per evidenziare la mia innocenza e la mia assoluzione, insieme a quella delle altre persone coinvolte. È stato un percorso che mi ha segnato e che, inevitabilmente, ha leso la mia serenità in famiglia, nel lavoro e nell’ambito della mia azione politica ed amministrativa sul territorio. Oggi è un altro giorno, l’assoluzione mi ripaga di tante amarezze e mi lascia la consapevolezza di avere sempre fiducia nell’operato della Magistratura e delle Istituzioni democratiche della nostra Nazione. Ringrazio il mio Sindaco per la sua autentica fiducia, ringrazio il mio Avvocato, ringrazio gli Amici veri che mi sono stati sempre vicino e soprattutto ringrazio la mia Famiglia, che ha – sopportato – le mie sofferenze rispetto ad una vicenda che ha cambiato la mia vita e quella dei miei cari. Ma oggi è un altro giorno, ho ricevuto il regalo più bello per il mio compleanno di ieri”.

Articolo precedenteCarabinieri, biciclette elettriche ai reparti nei parchi nazionali: 60 trekking bike sono già state distribuite
Articolo successivoSerie A, Napoli-Lazio 5-2. Luis Alberto e Leiva non brillano. Insigne, Mertens, Politano e Osimhen “affossano” i biancocelesti