Morto sul lavoro a Pomezia. Paolo Capone, Leader UGL: “Più formazione e una maggiore cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro”

109
(MeridianaNotizie) Roma, 16 aprile 2021 – “L’UGL esprime il suo cordoglio alla famiglia della vittima di 55 anni morto a causa di un incidente sul lavoro a Pomezia, comune del litorale di Roma. Un’ennesima tragedia che si sarebbe dovuta evitare. In tal senso, occorre una maggiore cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro e più formazione per i lavoratori stessi, soprattutto laddove si svolgono mansioni a rischio di infortuni. Per questo, la manifestazione dell’UGL ‘Lavorare per Vivere’ è volta a sensibilizzare le istituzioni e tutti i cittadini sul triste fenomeno delle cosiddette morti bianche. Basta morti sul lavoro!” Lo hanno detto in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale UGL, e Armando Valiani, Segretario Regionale UGL Lazio, in merito all’incidente in cui ha perso la vita un operaio di 55 anni, morto a Pomezia mentre stava svolgendo lavori stradali all’altezza della Via del Mare.
Articolo precedenteA Rieti arriva il tour nazionale dell’UGL “Il Lavoro Cambia anche Noi!” verso il Primo Maggio
Articolo successivoSanità, Lunedì il 2° Bilancio Sociale Aggregato delle strutture ospedaliere associate Aiop