Roma, degrado al parco delle Valli. Angelilli, Erbaggi (FDI): “La Procura di Roma si è attivata”

101

Fratelli d’Italia denuncia la situazione di degrado nella riserva naturale parco dell’Aniene,  la Procura si attiva e dispone indagini e accertamenti. A dare la notizia Roberta Angelilli e Stefano Erbaggi esponenti di Fratelli d’Italia, protagonisti di un esposto, fatto lo scorso 15 ottobre, dove venivano denunciati traffici illegali di rifiuti (anche interrati), roghi tossici e insediamenti abusivi adiacente al parco delle Valli, tra il secondo e il terzo municipio di Roma.

“Abbiamo fatto un esposto in Procura per denunciare la situazione del parco – commentano Angelilli ed Erbaggi – grazie al nostro intervento la Procura di Roma si è attivata, disponendo indagini ed accertamenti. Da anni i cittadini denunciano lo stato di degrado della zona, ma tutti gli appelli, fino ad ora, sono stati disattesi”.

Nella zona, dopo numerose segnalazioni dei comitati di quartiere, a novembre ci sono stati alcuni interventi di sgombero e bonifica. In assenza di un’adeguata azione di vigilanza e controllo, però, la  situazione è di nuovo degenerata, con nuovi accampamenti e discariche illegali ovunque.

“Vedendo la totale assenza delle istituzioni a livello locale, abbiamo effettuato un sopralluogo con i guardiaparco di Roma Natura  per testimoniare e denunciare la situazione di degrado – concludono da Fratelli d’Italia – E’ grave ed inaccettabile che in una riserva naturale si arrivi ad una situazione del genere con insediamenti e traffici di rifiuti che aumentano  di giorno in giorno.  Ora che la Procura di Roma si è attivata, non possiamo che essere felici. Nonostante tutto proseguiremo la nostra azione di denuncia fino a quando le istituzioni non provvederanno ad un intervento effettivo e duraturo (compresa la videosorveglianza) per effettuare una prevenzione sui numerosi fenomeni di illegalità.

Articolo precedenteLibri, e’ uscito “Il Cammino con Emiliano” scritto da Massimiliano Morelli
Articolo successivoCarabinieri, biciclette elettriche ai reparti nei parchi nazionali: 60 trekking bike sono già state distribuite