Arte, martedì l’inaugurazione dell’installazione di un’opera dell’artista Eros Renzetti all’Istituto San Gallicano

64
“L’ARTISTA E LA CHIRURGIA PLASTICA ISG DURANTE LA PANDEMIA:
installazione di un’opera del Maestro Eros Renzetti presso l’I.F.O.”
(MeridianaNotizie) Roma, 24 aprile 2021 –  Martedì 27 aprile,  alle ore 15,  a Roma presso l’atrio di ingresso degli ambulatori  dell’Istituto San Gallicano (entrata da Via Fermo Ognibene snc) si svolgerà l’inaugurazione  dell’installazione di un’opera donata dall’artista pittore e scultore Eros Renzetti al Reparto di  Chirurgia Plastica ad Indirizzo Dermatologico e Rigenerativo. Il dipinto un olio su tela, delle dimensioni di 4×2 m, intitolato “Alchimie di Asclepio”, rappresenta in chiave figurativa la  dimensione della fragilità vissuta da chi si sottopone a cure chirurgiche e oncologiche trascendendo  la forza interiore e psicologica verso una rinascenza fisica, rigenerativa, ricostruttiva, nella continua battaglia per la conservazione della vita. Il dipinto sarà installato, in maniera permanente, sulla parete  principale della sala di attesa dell’Istituto, la donazione è stata effettuata dall’artista come ringraziamento per l’impegno profuso dai sanitari durante il periodo pandemico. Il progetto accolto con entusiasmo dalla Direzione Strategica IFO e dalla Direzione Scientifica dell’Istituto San Gallicano è stato promosso e coordinato dalla Dr.sa Emilia Migliano, responsabile della UOSD di Chirurgia Plastica ad Indirizzo Dermatologico e Rigenerativo, nell’ambito delle attività finalizzate all’umanizzazione delle cure ed al miglioramento della qualità dell’accoglienza delle strutture sanitarie promosse dall’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio. Presenzieranno all’evento, nel rispetto delle regole di contenimento della pandemia, oltre all’Artista Eros Renzetti, l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, Il Direttore Generale IFO Francesco Ripa di Meana, il  Direttore Scientifico ISG Aldo Morrone, Il Direttore di Dipartimento Dermatologico Mauro Picardo, il Critico d’Arte Ines Millesimi.

Articolo precedenteArdea, Montesi (FdI): “Il Comune attende le prossime elezioni per far ripristinare le strade disastrate ad alto transito?”
Articolo successivo25 aprile, le celebrazioni del 76°anniversario della Liberazione a Lanuvio