Fondi UE, FDI: Stadio Flaminio di Roma abbia stesse opportunità del Franchi di Firenze

49
FONDI UE, FDI: STADIO FLAMINIO DI ROMA ABBIA STESSE OPPORTUNITA’ DEL ‘FRANCHI’ DI FIRENZE
“Struttura di Firenze riceverà finanziamento di 95 milioni per ristrutturazione,
ennesimo passo falso della giunta Raggi”
(MeridianaNotizie) Roma, 27 aprile 2021 – “Abbiamo appreso dell’inserimento nel Recovery Plan, con annesso finanziamento per 95 milioni di euro, del progetto per la ristrutturazione dello stadio Franchi di Firenze, abitualmente utilizzato dalla Società Fiorentina per la serie A di calcio. Ci meraviglia non poco che lo stesso trattamento non sia stato riservato alla Stadio Flaminio di Roma, il quale, versando da anni in uno stato di profondo abbandono, necessita di un intervento ben più urgente. Sorprende ulteriormente il silenzio della giunta Raggi che, proprio sullo stadio Flaminio, in questi anni ha avuto la capacità di dire tutto e il contrario di tutto e in concreto l’incapacità di produrre un seppur minimo intervento di manutenzione. Risultato: a oggi, la struttura progettata dall’Architetto Nervi proprio come lo stadio di Firenze, versa nel più totale degrado. Abbiamo ascoltato i più roboanti annunci, abbiamo finora letto di faraonici e alquanto fantasiosi progetti, ma sarebbe interessante sapere se era stata fatta una richiesta di inserimento nel Recovery Plan come hanno fatto da altri parti (e quindi non è stata accolta), o se più semplicemente l’idea non è stata presa in considerazione. In ogni caso, si tratta dell’ennesimo passo falso della giunta Raggi in materia di sport nella nostra città”. Lo dichiarano, in una nota congiunta, il senatore di Fratelli d’Italia Claudio Barbaro, il capogruppo alla Regione Lazio di FDI, Fabrizio Ghera e il capogruppo in Campidoglio sempre di Fratelli d’Italia, Andrea De Priamo. “Sono passati circa 10 anni, sembra un secolo – aggiunge il delegato Sport della Federazione romana di Fd’I, Alessandro Cochi- , quando il Flaminio ospitava il sei Nazioni di Rugby, lo spareggio per andare in serie B, le piroette delle moto acrobatiche della Red Bull. L’erba era ancora tagliata e non ‘moriva’ ancora nessuno negli spazi spogliatoi abbandonati come successo invece nel febbraio 2018”.
Articolo precedenteRoma, installata all’I.F.O un’opera d’arte del Maestro Eros Renzetti
Articolo successivoLavoro. Paolo Capone, Leader UGL: “Basta stragi sul lavoro. Necessario rafforzare i controlli e promuovere cultura della sicurezza”