RSU Elcograf a Verona. Paolo Capone, Leader UGL: “Voto senza precedenti che riconosce nostre battaglie. Un ringraziamento ai lavoratori e un augurio ai nuovi delegati”

70
RSU Elcograf a Verona. Paolo Capone, Leader UGL: “Voto senza precedenti che riconosce nostre battaglie. Un ringraziamento ai lavoratori e un augurio ai nuovi delegati”
 
(MeridianaNotizie) Roma, 6 maggio 2021 – Grande risultato per la Lista UGL Carta e Stampa che, alle Elezioni RSU/RLS svoltesi presso la Sede Elcograf (ex Mondadori) di Verona, ha ottenuto: 172 voti (64,4% 4 RSU e 2 RLS), contro i 95 voti (35,6% 2 RSU e 1 RLS) della Lista Unica Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom. La Elcograf S.p.A. è la prima azienda d’Italia in termini di fatturati e volumi di carta Grafica Stampata di Periodici, Volantini/Cataloghi della GDO e Libro Editoriale.  
 
Per Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL: “L’esito delle elezioni RSU/RLS alla Elcograf a Verona è un importante riconoscimento per l’UGL, un attestato di merito conquistato sul campo per le battaglie portate avanti dal sindacato in questi anni. Un voto senza precedenti dimostrato anche dall’altissima affluenza alle urne (88,42%) 275 su 311 aventi diritto, e dal raddoppio dei seggi e dei voti della UGL Carta e Stampa rispetto alle tre sigle storiche dello stabilimento. Rivolgo un augurio di buon lavoro ai nuovi delegati”.
 
L’azienda dal 2013 ha subito una grave crisi, dopo le diverse fusioni e acquisizioni ha dovuto rivedere il piano industriale attraverso la riduzione del perimetro aziendale, fermando diversi impianti di stampa rotative. Nel 2017 due delegati RSU UGL, Alberto Pietropoli e Alessandro Zenati, avevano coinvolto le istituzioni per modificare la Legge sull’Editoria 416/81 con il fine di approvare un piano di salvataggio di 200-300 lavoratori, evitando così licenziamenti collettivi. Nel dicembre del 2019 in Commissione Bilancio del Senato si riuscì a cambiare le sorti, attraverso una modifica in deroga della Legge 416/81, abbassando l’età pensionabile anticipata prevista a 35 anni anche per gli stampatori di periodici. Pertanto, dal 2020 tutte le aziende del settore in Italia sono riuscite a programmare Piani di Riorganizzazione e Ristrutturazione.
 

Secondo Luigi Ulgiati, Vicesegretario Generale dell’UGL: “Il voto da parte dei lavoratori premia l’impegno costante dei delegati UGL che hanno creduto in questo processo di cambiamento. Un traguardo storico per il sindacato, nella prospettiva di rafforzare le tutele e le garanzie a favore di tutti i lavoratori”.

Articolo precedenteRisparmio. Bordi (Hyle Capital Partners): “Private Equity e Recovery Plan insieme per rilanciare economia reale”
Articolo successivoFestival Mascagni, martedì 11 maggio la presentazione dell’edizione 2021