Tor Bella Monaca e Tor Vergata: pusher nel mirino dei carabinieri: altri 4 in manette

46

(MeridianaNotizie) Roma, 10 maggio 2021 – Prosegue inarrestabile l’attività antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Frascati nel quartiere popolare di Tor Bella Monaca e Tor Vergata, dove nelle ultime ore, in diverse attività, sono state arrestate per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti ben 4 pusher, attivi nelle varie piazze di spaccio della zona.

Il primo a finire in manette è stato un romano di 48 anni, nullafacente e con precedenti, di fatto senza fissa dimora, notato aggirarsi con fare sospetto nei pressi di una nota piazza di spaccio di via dell’Archeologia. L’uomo accortosi dei militari ha tentato di disfarsi di una busta, prontamente recuperata dai militari, al cui interno sono stati rinvenuti ben 14 dosi di cocaina, del peso di circa 10 grammi, e di 110 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita. Sempre i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca, poco più tardi, in via Mitelli, nel corso di un servizio di osservazione, hanno arrestato altri due spacciatori di 49 e 60 anni, entrambi con precedenti, notati aggirarsi con fare sospetto e subito bloccati. A seguito della perquisizione personale e domiciliare, i militari hanno rinvenuto e sequestrato ben 45 dosi di cocaina, per un peso di circa 300 grammi, e di un bilancino di precisione.

Infine, sempre in serata, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Vergata hanno arrestato un romano di 20 anni, incensurato, che notato mentre si aggirava sotto casa con fare sospetto, alla vista dei militari ha cercato di allontanarsi rapidamente. Bloccato poco dopo, i militari hanno effettuato la perquisizione personale, trovandolo in possesso di una dose di hashish e successivamente, a seguito di quella domiciliare, di ulteriori 132 grammi della medesima sostanza, che è stata sequestrata.

Tutti gli arrestati sono stati condotti in caserma e tranne il 20enne, che è stato posto agli arresti domiciliari, tutti gli altri sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Articolo precedenteSassoli al lancio della Conferenza sul futuro dell’Europa: Non dobbiamo avere tabù
Articolo successivoPrati, carabinieri arrestano uomo violento che da gennaio minacciava la compagna