Nemi – Isola ecologia:  Pareri favorevoli su Via della Radiosa;  l’Amministrazione comunque sceglie altro sito.

45
Nemi – Isola ecologia:
Pareri favorevoli su Via della Radiosa;
l’Amministrazione comunque sceglie altro sito
(MeridianaNotizie) Nemi, 18 giugno 2021  – Il progetto dell’Isola Ecologia del Comune di Nemi in via della Radiosa, ha ricevuto il benestare da parte della Regione Lazio – Ufficio Ciclo dei Rifiuti, i quali avendo valutato la tipologia di progetto si sono espressi positivamente. A questo importante Nulla Osta,  si è aggiunto anche il via libera di ACEA,  indicando alcune prescrizioni, ed il parere favorevole dell’Ufficio Infrastrutture Viarie Regionale.
l’Amministrazione Comunale vuole eccellere nel progetto dell’isola ecologica e pur avendo avuto per via della Radiosa le massime garanzie in termini di sicurezza e tutela della salute pubblica, come dai pareri sopra indicati, in un incontro con i cittadini, ha comunicato che ha sospeso la conferenza dei servizi,  con l’obiettivo di dislocare lo stesso progetto dell’isola ecologica, su un’altra area comunale.
Questo perché, dichiara il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci, “attraverso la realizzazione dell’isola ecologica vogliamo innalzare la qualità dei servizi al cittadino, integrandola al meglio con il territorio, senza creare dissapori tra i residenti, quindi, con questo nuovo progetto che ci ha permesso di superare tutte le criticità che si erano presentate, andremo convinti ad individuare un’altra area che magari in passato è stata valutata favorevolmente.”
Nel frattempo continua in modo egregio la raccolta differenziata su tutto il territorio Comunale, e se i prossimi risultati saranno confermati, dichiara ancora il Sindaco di Nemi  Alberto Bertucci, “si provvederà ad effettuare una riduzione della tariffa TARI.”
Articolo precedenteLunedì 18 la presentazione del Secondo Osservatorio Silver Economy  Tendercapital-Censis “La Silver Economy nell’anno più nero”
Articolo successivoRocca di Papa, Bruognolo(Lega): solidarietà e vicinanza ai 160 operatori del San Raffaele a rischio licenziamento