BILANCIO, GRIPPO (AZIONE): ANZIANI, BAMBINI, PERSONE CON DISABILITA’, EMENDAMENTI CHE PENSANO AI PIU’ FRAGILI

101
BILANCIO, GRIPPO (AZIONE): ANZIANI, BAMBINI, PERSONE CON DISABILITA’, EMENDAMENTI CHE PENSANO AI PIU’ FRAGILI
“Anziani, bambini, persone con disabilità, ma anche cultura, artigianato e formazione musicale. In questo Collegato di Bilancio sono intervenuta con emendamenti che pensano alla ripartenza e ai più fragili, così provati da questo periodo difficile” così Valentina Grippo, presidente del Gruppo Misto del Lazio, all’approvazione in Consiglio Regionale del Collegato di Bilancio 2021-2023. “Per quanto riguarda la formazione in campo musicale, è stato approvato un emendamento che istituisce l’elenco delle scuole di educazione musicale nel Lazio e i relativi interventi per la loro promozione e valorizzazione. Da oggi, chi insegna musica potrà ottenere il riconoscimento regionale, e quindi accedere ai fondi, alle agevolazioni fiscali e soprattutto costituire un tassello fondamentale della formazione dei cittadini del Lazio. Sui servizi educativi, oggi si è concluso un percorso intrapreso da tempo con le associazioni del settore, con cui ho avuto modo di individuare e superare alcune criticità dei servizi per la prima infanzia e in particolare gli spazi gioco. La Regione è ora pronta a supportare economicamente tutti i servizi educativi, anche in caso di chiusura straordinaria, e i genitori grazie ad orari di frequenza più flessibili. Oltre ad essermi occupata di formazione e servizi all’infanzia, ho avuto modo di riflettere con molti presidenti e coordinatori di centri anziani su come l’invecchiamento attivo richiederebbe un piano articolato di azioni. Grazie agli emendamenti approvati non solo verrà permesso ai centri anziani di avere un rapporto di intergenerazionalità, favorendo la partecipazione anche delle fasce di età giovanili, ma permetterà anche loro di uscire dalla visione di struttura assistenziale, identificandoli come centri culturali ad interesse sociale. In ultimo, per quanto riguarda le prestazioni socio-sanitarie, ho da sempre combattuto per affermare un principio fondamentale della nostra Costituzione che è il diritto alla Salute, inteso come fa l’OMS, quale diritto a vivere a pieno la propria esistenza con dignità. Ho fatto un emendamento che dice esattamente questo e cioè che non sono accettabili limitazioni per l’erogazione delle prestazioni socio-sanitarie essenziali che escludano qualcuno da questo diritto (si pensi alle graduatorie del Comune di Roma sulla disabilità gravissima o a tanti altri casi)”.
Articolo precedenteBILANCIO, GRIPPO (AZIONE): APPROVATO EMENDAMENTO PER INVECCHIAMENTO ATTIVO
Articolo successivoArdea, Dott. Mariano Amici: “Basta panico, non dobbiamo avere paura del Covid-19…ecco perché”