Cibus, Alessandro Squeri (Steriltom): “Occasione di confronto sul PNRR e di rilancio per il settore agroalimentare italiano”

11

(MeridianaNotizie) Roma, 31 agosto 2021 – “Siamo ripartiti anche se non ci siamo mai fermati. La nostra partecipazione a Cibus è un’occasione per affrontare insieme le sfide presenti e del futuro, e al tempo stesso, un’opportunità per confrontarci sullo sviluppo e sul rilancio del nostro settore”. Lo dichiara in una nota Alessandro SqueriPresidente di Federalimentare Giovani e DG di Steriltom, azienda leader nel mercato della polpa di pomodoro a livello europeo in occasione dell’apertura di Cibus, il 20esimo Salone Internazionale dell’alimentazione.
“Il primo dato che emerge con forza – continua Squeri – è come il nostro settore abbia segnato un risultato storico in termini di esportazioni agroalimentari Made in Italy con un +23,1% e con una proiezione in valore su base annuale stimata in 50 miliardi nel 2021. Un dato che ci fa essere ottimisti considerato che già ora con 538 miliardi di euro il comparto agroalimentare rappresenta il 25% del Prodotto interno lordo italiano”.
“Questa proiezione – prosegue Squeri – unita agli oltre 200 miliardi di euro contenuti nel PNRR ci spinge ad immaginare per tutta la filiera agroalimentare, per l’indotto ad esso collegato e per l’Italia, una prospettiva di sviluppo e di crescita esponenziale sia nel mercato interno, sia nell’export. In tal senso, il PNRR rappresenta uno strumento fondamentale per dare slancio all’agricoltura sostenibile, all’economia circolare e al processo verso la transizione energetica. Un passo avanti significativo per il settore agroalimentare e, al contempo, il presupposto necessario per costruire una nuova economia a sostegno delle giovani imprese”, conclude Squeri.

Articolo precedenteMARINO, DE SANTIS-DE FELICE: “PER COLIZZA COSTA CASELLE C’E’ MA SOLO SOTTO ELEZIONI. CON TANTO DI LETTERINA AUTOCELEBRATIVA…”
Articolo successivoDati Istat. Paolo Capone, Leader UGL: “Fondamentale accelerare con le riforme a partire dal fisco, welfare e pensioni”