Pomezia, il comandante dei vigili del fuoco Francesco Milone in pensione dal 1 settembre scorso. Il Comune lo ringrazia

225

(MeridianaNotizie) Pomezia, 17 settembre 2021 – Dopo 38 anni di servizio nel corpo nazionale dei vigili del fuoco,  il comandante del distaccamento di Pomezia, Francesco Milone, dal primo settembre è andato in pensione.

Il Sindaco di Pomezia, Adriano Zuccalà, ha voluto così  incontrarlo  e riceverlo in Comune. “Una carriera al servizio della comunità – ha detto il Primo Cittadino – Voglio ringraziare Francesco per il lavoro svolto sul nostro territorio, per la passione e la dedizione impiegati negli interventi a tutela della salute pubblica, della cittadinanza e dell’ambiente. Un impegno, che è spesso una missione, che la nostra Città non dimenticherà”.

Quella di Francesco Milone è lunga ed onorata carriera iniziata nel lontano 1981 e proseguita con il servizio prestato nei comandi di Avellino, Brescia, Roma, Fiumicino, Anzio fino ad approdare a Pomezia, comune dove tra l’altro risiede da oramai diversi anni. Promosso capo squadra nel 1998,  ha partecipando a numerosi interventi importanti come ad esempio i roghi catastrofici scoppiati presso la Fiorucci, la Cereria di Giorgio e l’Eco X. Una carriera importante, quella del comandante, con riconoscimenti, qualifiche e premi. Di lui si ricorda il salvataggio a Santa Palomba di un operaio rimasto intrappolato all’interno di una ferrocisterna ma anche tanti interventi come quelli avvenuti per l’alluvione di Sarno. Impegnato nei terremoti di Umbria e Marche, Aquila e Arquata, Milone è stato protagonista di tanti interventi di soccorso non poco rischiosi. Azioni che negli anni lo hanno portato a diventare capo reparto e poi successivamente capo sede del distaccamento di Anzio. Nel 2018 il suo ultimo incarico, a Pomezia, nelle vesti di capo reparto del distaccamento di Pomezia.

 

Articolo precedenteArdea, l’assessore Possidoni: “Prenotazioni anagrafe riattivate da Gennaio 2022”
Articolo successivoEuropa Legue, Galatasaray-Lazio 1-0. Parte male l’avventura europea dei biancocelesti