Covid-19, il “Green pass per tutti” ricorda lo slogan del personaggio cinematografico, “Cetto Laqualunque”: “Cchiu pilu pe’ tutti!!!”

170

La certezza di un “sistema” che presenta molte incertezze. Intanto, continuano le ansie di chi registra strani effetti post-vaccino anti covid-19. Alessandra ci racconta la sua esperienza negativa.

(Meridiananotizie) Ardea, 17 settembre 2021 – Il governo continua nella sua marcia imperterrita nella promozione dello slogan “più green pass per tutti“, quasi a richiamare un “tormentone“, in questo caso ironico, citato più volte dal personaggio politico cinematografico, Cetto Laqualunque, impersonato da Antonio Albanese nel suo film “Qualunquemente“: “cchiù pilu pe’ tutti!”

E questa incoerenza, tra ciò che verbalmente il governo comunica alla popolazione in termini di libertà, responsabilità e ciò che poi, nell’atto pratico spinge a fare alla stessa, non può non suscitare l’esclamazione ad una situazione socio-sanitaria paradossale per cui, per rappresentare al meglio tale condizione, prendiamo in prestito un altro termine usato dal noto personaggio immaginario (immaginario?) di Cetto Laqualunque: “cazzu, cazzu, cazzu“.

Come potrebbe essere diversa l’esclamazione verso le decisioni di un Governo che non riesce a garantire l’equilibrio di uno stato sociale, economico, emotivo, psicologico e razionale, di una popolazione frastornata e confusa che, in molti casi, si sta rendendo conto di aver fatto scelte cui non avrebbe mai ceduto.

Di questa confusione, ne sono la prova le categorie di persone che il Governo ha lasciato fuori dall’obbligo del “green pass” (disoccupati, casalinghe e pensionati, oltre ad imputati, testimoni e pubblico nei tribunali italiani). Senza pensare che, nei palazzi del Governo, Senato della Repubblica e Camera dei Deputati, il green pass non è richiesto; come non è richiesto nei mezzi pubblici, ovvio, come sarebbe possibile pensare di controllare chi scende e chi sale da essi? Ma questa non è una scusante per capire dove applicare il green pass e dove no, piuttosto, un’aggravante della dubbia gestione dell’estensione del green pass ad alcune categorie.

Questo “modus operandi” del Governo, manifesta un’unica certezza, ovvero, l’incertezza di non saper prendere una linea decisa in una direzione che rispetti, realmente: lo stato della situazione attuale, sia in termini di effetti reali risolutivi del vaccino che delle altre terapie alternative ad esso (sorrette da voci attendibili del mondo medico scientifico); la libertà di scelta e l’equilibrio nella diffusione delle informazioni scientifiche (tutte) in relazione alla pandemia, al Covid-19 e a tutto ciò che è correlato a questi argomenti.

E la certezza che emerge in tutto ciò è che, per andare a lavorare o ci faremo il vaccino, oppure, dovremo pagare un “tampone” ogni 48/72 ore. Se questa non è coercizione, cos’è?

A questo momento molto critico, aggiungiamo, altresì, gli aumenti che dal prossimo autunno gli italiani si ritroveranno per le utenze e non solo e che incideranno, notevolmente, sulle economie delle famiglie.

Gli stipendi medi sono già ai minimi termini, in più è stato messo anche l’obbligo minimo del tampone (per chi non vuole fare il vaccino anti covid-19) per cui il potere d’acquisto delle famiglie diminuisce, ulteriormente, invece di adeguarsi, come è giusto che sia in un Paese che si definisce civile e sviluppato, agli indici di svalutazione annuale.

Un bel regalo, non c’è che dire, da parte del Governo agli italiani in questo ultimo trimestre del 2021.

E intanto, tra la tanta confusione che vige nella collettività da quando è esplosa questa pandemia, le denunce dovute ad effetti, quanto meno considerati strani ma in alcuni casi avversi post vaccino anti Covid-19, aumentano giornalmente. Nella nostra redazione è arrivata un’altra segnalazione a seguito di quella di Marco pubblicata qualche giorno fa (clicca qui). Su richiesta della diretta interessata, la Sig.ra Alessandra, di cui celiamo il cognome e la documentazione sanitaria che la stessa ci ha già fornito, pubblichiamo le dichiarazioni, in merito alle reazioni post vaccino anti covid-19 che la stessa sta, purtroppo, registrando.

Alessandra: “Dal 19 maggio scorso è cominciato il mio calvario”

“Mi chiamo Alessandra e vorrei raccontare quello che mi è successo dopo aver fatto il così famigerato vaccino, anzi chiamiamolo con il suo vero nome ‘Terapia Genica’ (sperimentale).”
 
Sto tuttora male e come me tante altre persone. Essendo affetta da Lupus, ho contattato chi mi ha in cura per sapere se potevo essere vaccinata. Avendo ricevuto risposta positiva, ho deciso di sottopormi a vaccino e il 19 maggio ho fatto la prima dose.”
 
“Sono insorti tutti i sintomi influenzali, mal di testa (che ancora perdura a tutto oggi) (a distanza di 4 mesi circa – NDR), sonnolenza e stanchezza che sono durati circa 20 giorni. Il 30 giugno ho fatto la seconda dose del vaccino, alla quale sono seguiti gli stessi sintomi della prima. Agli stessi si è aggiunta una forma di asma, giramenti di testa, gambe pesanti, fatica nella respirazione, inappetenza, fiato corto e la sensazione di un macigno sul petto. Inoltre, anche il mio ciclo mestruale è totalmente irregolare.
 
“Dopo un mese sono andata dal dottore che, dopo avermi fatto fare una lastra e le analisi mi ha prescritto il Deltacortene, ma mio malgrado senza alcun beneficio. Mi sono recata due volte al pronto soccorso e tutto risultava nella norma.”
 
“Poi ho fatto ulteriori accertamenti analisi per la tiroide, eco tiroidea, eco cardiogramma e, ancora, nessuna anomalia. Nel frattempo sono sopraggiunti ancora altri sintomi:tachicardia, dolore al petto.
 
Il nostro compito, non è quello di giudicare se quanto dichiarato dalla Sig.ra Alessandra, rientra nelle normali reazioni che un vaccino può generare, questo è un compito che spetta a chi di competenza (scienza medica), noi possiamo solo documentare quanto le persone ci segnalano, a seguito di documentazione fornitaci attestante quanto da loro dichiarato e da noi pubblicato.
 
Invece, quello che da sempre evidenziamo e che rappresenta un grande problema sociale, è l’enorme confusione che vige nella gestione di questa pandemia da parte del Governo.

 

  • articolo di Massimo Catalucci

————————————-

Qui sotto trovi altri articoli inerenti l’argomento qui trattato, scritti da Massimo Catalucci. Clicca sul titolo per leggerli:

 

 

Covid-19 e vaccini, Marco: “Mi malefico per aver deciso di farmi vaccinare”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

————————————————————————————-

ALTRI ARTICOLI DI REDAZIONE CORRELATI ALLO STESSO ARGOMENTO  (clicca sul titolo per leggerli)

 

 

 

Articolo precedenteArdea, Mari (Pd): “Grazie alla Regione finanziamento di 400mila euro per piazza Falcone e Borsellino”
Articolo successivoALIS: BENE L’INTERVENTO DEL GOVERNO NEL DECRETO INFRASTRUTTURE SULLE REVISIONI DI RIMORCHI E SEMIRIMORCHI PRESSO LE OFFICINE PRIVATE AUTORIZZATE