Elezioni a Roma, intervista a Massimo De Simoni, candidato con il PD

93
(MeridianaNotizie) Roma, 30 settembre 2021 – Tra i tanti candidati al Comune di Roma, abbiamo scelto di approfondire la conoscenza con Massimo De Simoni in lista con il PD. A destare il nostro interesse (nel rispetto della par condicio) la sua militanza e impegno politico fin da giovanissimo. Aveva solo 23 anni quando è stato eletto nel consiglio della X Circoscrizione. Da allora tante esperienze, in una “scalata” che l’hanno portato a ricoprire il ruolo di vice presidente e assessore nel Municipio X (ora VII). Ora la sua sfida per essere eletto nell’Assemblea Capitolina perché spiega “la nostra città deve tornare a crescere e ad essere un punto di riferimento per L’Europa e per il mondo, anche in vista del Giubileo del 2025”.
– Ma De Simoni, tralasciamo un attimo la politica internazionale della Capitale e soffermiamoci su alcune proposte concrete e realizzabili che interessano Roma.  Quattro idee e ricette che può sintetizzare:
DOTARE ROMA DI UN PIANO URBANO DEI TEMPI
Per eliminare i disagi creati dai flussi di traffico privato e di trasporto pubblico che si concentrano nella cosiddetta “ora di punta” Roma Capitale deve attivare un tavolo di confronto con le parti sociali ed un gruppo di studio dei flussi della mobilità generata dagli impegni di lavoro e di studio dei cittadini residenti o operanti a Roma, con l’obiettivo di arrivare ad una progressiva rimodulazione (su base volontaria in una fase sperimentale) degli orari di ingresso ed uscita nelle scuole e nei principali enti ed uffici della P.A.
Il Bit (biglietto mezzi pubblici a tempo) deve consentire poi un numero illimitato di viaggi non solo nei bus ma anche nella metro, entro i 100 minuti di validità. E la metropolitana di Roma deve arrivare a funzionare 24/24H
BONUS PER ADOZIONE DI STRADE E PIAZZE
Roma Capitale deve incentivare la presa in carico di strade e piazze, per la pulizia e la manutenzione, da parte di operatori commerciali (in forma singola o associata) riconoscendo loro un bonus attraverso l’abbattimento minimo del 50% di imposte e tributi dovuti a vario titolo all’amministrazione comunale.
FAMIGLIA SICURA
Attraverso “Le Assicurazioni di Roma – Mutua Assicuratrice Romana” (di proprietà per il 74,35% di Roma Capitale e per la parte restante di Ama, Atac e Cotral) deve essere attivato uno strumento a prezzo convenzionato per una copertura assicurativa (infortuni e sanità) per l’intero nucleo familiare e per gli animali domestici registrati e dotati di chip di riconoscimento.
NON SOLO CAREGIVER E MAI SOLI
Iniziative di formazione e sostegno per Caregiver devono essere promosse da Roma Capitale per il raggiungimento di un giusto equilibrio tra vita lavorativa, sociale e familiare a chi ha la necessità di prestare assistenza ad una persona convivente O di famiglia. A Roma nessuno deve restare solo: una Capitale, ma soprattutto una città solidale.
Articolo precedenteElezioni, Intervista ad Andrea Falzone, candidato alla carica di Consigliere Comunale, per la Lista “Sinistra Civica Ecologista”, in sostegno di Roberto Gualtieri.
Articolo successivoMarino, Pisani-Puliti (Lega): Piazza Sandro Sciotti gremita con Salvini, la città è con noi