Campo Ascolano, Don Jose finisce il servizio al S. Agostino: i ringraziamenti del coro oratoriale

214

(MeridianNotizie) Pomezia, 6 settembre 2021 – Dopo sei anni  di servizio pastorale presso la parrocchia S. Agostino di Campo Ascolano, è finito ieri, 5 settembre, l’attività di Don Josè , che ha salutato tutta la  comunità alla fine di tutte le messe in programma nella giornata. Tornerà in Colombia vicino alla sua famiglia. Nominato al suo posto Guarin Osorio Yeison, studente e collaboratore della parrocchia. Insieme a Don Yeison ci sarà il sacerdote Munoz Toro Luis Felipe, il quale viene in Italia per motivi di studio.

“Colgo l’occasione per ringraziare anzitutto il Signore che mi ha assistito in questa esperienza e a tutte le persone, sacerdoti e fedeli, con i quali ho camminato insieme in questi sei anni, spero di avere l’occasione di ringraziarli e salutarli personalmente – ha dichiarato Don Josè – Chiedo di pregare per Don Yeison affinché il Signore lo rassicuri in questa nuova missione che inizia e per me e per il mio futuro impegno pastorale perché dovunque possa servire al Signore con gioia e generosità”.

I ringraziamenti del coro oratoriale

“A lui va un ringraziamento di cuore per la fiducia riposta in noi – dichiarano Susy e Francesca, dal coro oratoriale – per la tanta voglia di fare tanto specialmente per i giovani. Nonostante la sua giovane età, timido e discreto è riuscito a tenere testa a tante situazioni. Un grande benvenuto lo vogliamo fare a Don Yeison il nuovo parroco, che  è riuscito a conquistare la comunità, anch’ esso giovane e con la stessa voglia di investire sui giovani e non”.
Il piccolo coro oratoriale si è costituito quasi per gioco, una sfida lanciata da Don José con successo.
“Grazie a Don Josè  ragazzi e adulti hanno sfruttato al meglio le loro potenzialità con un impegno costante – concludono Susy e Francesca –  Il 28 agosto abbiamo effettuato  un esibizione canora in suo onore,  dando il benvenuto al nuovo parroco Don Yeison. Un’esibizione  importante per augurare l’inizio di un cammino emozionale da poter condividere con tutti, nella speranza che la Chiesa diventi sempre più un punto fermo per adulti, giovani e bambini”.
Articolo precedenteLazio, Maritato(Lega): “Green pass per i vaccinati è una chimera”
Articolo successivoLANUVIO: AL VIA, NEL WEEK END, LA SECONDA EDIZIONE DI “LIBRINTORNO”