Il direttore de Il Corriere della Città, Maria Corrao, rapinata a Madrid e senza soldi: la figlia per aiutarla crea una raccolta fondi

438
(MeridianaNotizie) Madrid, 15 ottobre 2021 –  Ieri, il  direttore del quotidiano online Il Corriere della Città, Maria Corrao, appena arrivata a Madrid per andare a trovare la figlia che sta facendo l’Erasmus, è stata rapinata. Aveva con se i soldi per farle pagare l’affitto della sua permanenza in Spagna. Maria ha dovuto cosi’ trascorrere la mattinata al Consolato per fare un documento provvisorio per poter rientrare in Italia lunedì, in attesa di rifare quelli definitivi una volta tornata.
La figlia Arianna in queste ore per aiutarla ha pensato di creare una raccolta fondi.

IL MESSAGGIO DI ARIANNA

Ciao a tutti! Mi chiamo Arianna e sono una studentessa in Erasmus a Madrid. Sono qui specialmente grazie a mia mamma, mi ha convinta a partire dopo avermi aiutata ad uscire da una brutta depressione e mi ha permesso di vivere una delle esperienze migliori della mia vita. Fino all’ultimo non volevo partire, non abbiamo molti soldi e non volevo pesare sulla mia famiglia e la borsa di studio avrebbe coperto solo parte delle spese. Nonostante questo mi ha convinta a partire lo stesso, facendo lei molti sacrifici.
Purtroppo però appena è arrivata a Madrid l’hanno derubata, sottraendole documenti, effetti personali, carte di credito e più di 2500 euro in contanti che sarebbero principalmente serviti per pagare il mio affitto. Mia mamma è venuta a trovarmi per passare del tempo con me e portarmi ciò di cui avevo bisogno, tra cui anche i soldi, e sfortunatamente i piani sono andati a rotoli.
Scrivo questo messaggio con un po’ di imbarazzo, non mi piace chiedere aiuto, ma so che questa è una delle poche opzioni che ho. Sono qui per chiedervi di aiutarci a recuperare quanto perso con piccole donazioni, di aiutare una famiglia in difficoltà e una mamma che non dorme neanche più la notte. Vedere la propria madre disperarsi e colpevolizzarsi per qualcosa che non avrebbe potuto evitare in alcun modo è terribile, straziante e mi importa molto più di quello che è stato perso. Vi chiedo però di aiutarci, di aiutarmi ad aiutarla. Vorremmo raccogliere il necessario per recuperare quanto perso e per rifare i documenti.
Ogni piccolo aiuto sarà incredibilmente apprezzato.
Se non puoi donare, non ti preoccupare. Puoi ancora aiutarci condividendo il nostro GoFundMe. Grazie a tutti!

LA RACCOLTA FONDI

 
Articolo precedenteEuropa. Malcotti, UGL: “Radici comuni, pilastri irrinunciabili per il futuro dell’UE”
Articolo successivoSicurezza dei dati personali e cyber security al tavolo per la sicurezza stradale