Roma, weekend di controlli nelle zone della movida: 3 persone arrestate e due “saltafila” abusivi sanzionati

27

(MeridianaNotizie) Roma, 17 ottobre 2021 – Nel corso del fine settimana, i Carabinieri del Gruppo di Roma hanno intensificato i controlli nelle aree archeologiche e di interesse e nei luoghi maggiormente frequentati durante la movida, al fine di prevenire e contrastare ogni forma di illegalità o degrado e per garantire una maggior percezione di sicurezza ai cittadini e ai turisti, italiani e stranieri, in visita nella Capitale. Tre persone sono finite in manette, due “saltafila” abusivi sono stati sanzionati e quattro titolari di esercizi pubblici sono stati multati amministrativamente. Identificate 286 persone e eseguite verifiche su 89 veicoli.

CONTROLLI NELLE AREE TURISTICHE DI INTERESSE CULTURALE

I Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro hanno svolto verifiche nell’aree di interesse turistico comprese tra la Basilica San Pietro, i Musei Vaticani e Castel Sant’Angelo. In questo contesto, i Carabinieri hanno sanzionato un 52enne del Bangladesh e un 35enne romeno sopresi, uno nei pressi dell’ingresso di Castel Sant’Angelo e l’altro in via Ottaviano, mentre svolgevano abusivamente l’attività di intermediazione e promozione di tour turistici e vendita di biglietti per musei. Entrambi sono stati sanzionati per 400 euro mentre a carico del 52enne è stato adottato anche un ordine di allontanamento, con divieto di accesso per 48 ore, dall’area UNESCO.

I Carabinieri, inoltre, con l’assistenza dei colleghi del Nas di Roma, hanno sanzionato amministrativamente, per un totale di 3.400 euro, il titolare di un ristorante nei pressi di via Vittoria Colonna, in quanto al momento del controllo sono stati trovati 6 dipendenti privi dei dispositivi di protezione individuale e sono state riscontrate inosservanze delle procedure volte a garantire la sicurezza igienica degli alimenti.

CONTROLLI A BORDO DEI MEZZI PUBBLICI E LUNGO LE VIE DELLO SHOPPING

Le verifiche sono proseguite anche a bordo dei mezzi pubblici e, infatti, su un convoglio della metro A all’altezza della fermata Repubblica, i Carabinieri hanno arrestato un 13enne romeno, senza fissa dimora e già noto alle forze dell’ordine, sorpreso mentre sfilava il portafogli dalla tasca dei pantaloni di un turista. Il minorenne, accusato di furto aggravato, è stato accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza in via Virginia Agnelli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

Sempre con l’accusa di furto aggravato, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato una 18enne e una 19enni, entrambe domiciliate nel campo nomadi Anagnina e con precedenti. Le giovani, ben vestite e munite di mappa della Capitale e zainetto in spalla, per camuffarsi tra i tanti turisti presenti, sono state notate mentre di aggiravano con fare sospetto lungo le vie dello shopping del centro storico e sono state seguite dai Carabinieri. Poco dopo, in via di Propaganda, le due hanno avvicinato alle spalle una turista peruviana di 44 anni e mentre una la distraeva, l’altra, nascondendo la mano sotto la cartina topografica aperta, la derubava del portafogli che custodiva in borsa.

I Carabinieri le hanno immediatamente bloccate e hanno recuperato la refurtiva. Le arrestate sono state portate in caserma e trattenute in attesa del rito direttissimo.

CONTROLLI NEI LUOGHI DELLA MOVIDA

Nell’arco serale e fino a notte fonda, infine, i Carabinieri del Gruppo di Roma, con l’assistenza dei colleghi del Nas di Roma, hanno eseguito verifiche nei locali nelle zone della movida del rione Monti e a Campo de’ Fiori.

Il titolare di un ristorante nei pressi di via Agostino Depretis è stato sanzionato, per complessivi 4.900 euro, per carenze igienico sanitarie, per la mancanza della cartellonistica antiCovid-19 relativa alla capienza massima del locale, per la detenzione di alimenti privi di tracciabilità, sequestrando circa 200 kg di prodotti alimentari. Inoltrata anche la segnalazione alla competente autorità amministrativa con la proposta di chiusura alla A.S.L.

Il titolare di un pub nelle vicinanze di piazza degli Zingari è stato sanzionato, per 1.200 euro, per il mancato possesso della certificazione verde da parte di un dipendente e la mancata verifica del possesso del certificato verde da parte del datore di lavoro nei confronti dei dipendenti, con segnalazione alla competente autorità amministrativa;

Il proprietario di un circolo culturale nei pressi di via degli Zingari è stato sanzionato, per 500 euro, per la vendita e il consumo di bevande alcooliche dopo le ore 23:00.

Articolo precedenteFiumicino, il sindaco Montino su Covid-19: “Balzo nei contagi, oggi 96. Vaccinatevi”
Articolo successivoLatina, arrestato per maltrattamenti 39enne straniero