Cultura: Canale Monterano apre le porte all’ingegno di Dante Alighieri

133

(MeridianaNotizie) Canale Monterani, 23 ottobre 2021 – Presentato questa mattina nel teatro comunale di Canale Monterano “Dante… il multiforme ingegno”, progetto culturale che vedrà impegnata per quattro giorni la cittadina dell’hinterland romano. Presenti alla conferenza stampa, moderata dal giornalista romano Massimiliano Morelli, il sindaco di Canale Alessandro Bettarelli, il direttore artistico Esper Russo, la regista teatrale Tiziana Biscontini e il presidente dell’associazione culturale L’agone nuovo Giovanni Furgiuele. I quattro intervenuti al tavolo dei relatori hanno presentato l’iniziativa, che è ideata e realizzata dall’associazione culturale “Il Salto” ed è organizzata col patrocinio del Comune di Canale Monterano e della Regione Lazio. La prima sezione dell’evento dantesco è didattica, rivolta agli studenti delle scuole medie inferiori ed è programmata il 28 ottobre: “I diavoli di Dante”, presenti l’insegnante di lettere Marta Crescentini e il regista e attore Mario Gallo.

Il 29, col coordinamento di Esper Russo, spazio al convegno “Dante il multiforme ingegno”, con relatori Monica Storini (Università “La Sapienza”), Lucrezia Ercoli (Accademia delle Belle Arti di Macerata) e Alessandro Battafarano (Associazione culturale “Il Salto”). Presente nella seconda giornata anche il consigliere regionale Emiliano Minnucci.

Alle 21 di sabato 30 ottobre“Lectura Dantis”, con Alberto Cerracchio al pianoforte e al gong e Tiziana Biscontini pronta a leggere i canti I-V-XXVI-XXXIII. Chiusura di sipario il 31 ottobre con “Dante nel caleidoscopio dell’arte” e le performance artistiche di Mario Gallo, Matilda Russo, Leonardo Silla, Vania Pietrobattista, Daria Rossi Poisa e Fausto Cassi; e ancora Francesco Pastore, Lara Stocchino, Luca Caputo ed Emanuela Marrucci.

Articolo precedenteRoma, accusato di avere molestato 2 ragazzine minorenni: carabinieri arrestano un 38enne
Articolo successivoCINEMA: Al via la 5^ edizione del CROFFI (Festival Internazionale del Cinema dei Castelli Romani).