Grottaferrata, Pompili: “Al via gli attesi lavori di manutenzione e messa in sicurezza di Via San Giovanni Bosco”.

30

(MeridianaNotizie) Grottaferrata, 11 ottobre 2021- “Il prossimo 18 ottobre partiranno i lavori di manutenzione e messa in sicurezza di via San Giovanni Bosco. Un intervento fortemente voluto dal sottoscritto e da tutta l’amministrazione, che tenendo conto anche delle segnalazioni presentate dalla cittadinanza e dai rilievi effettuati dall’ufficio tecnico, non poteva più essere procrastinato”. A sottolinearlo, in una nota, il consigliere comunale di Grottaferrata e presidente della commissione consiliare Infrastrutture e Lavori Pubblici, Federico Pompili.

Via San Giovanni Bosco infatti, seppur non molto estesa, rappresenta una importantissima arteria per la mobilità veicolare e pedonale della cittadina criptense, collegando via Santivetti, dove è situata la Chiesa Parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù, con piazza Marconi, dove è presente l’Istituto comprensivo San Nilo.
“Questo intervento, dunque, presente già da tempo nei documenti di programmazione dell’ente comunale, ha come fondamentale obiettivo il miglioramento della qualità della strada – aggiunge il consigliere Pompili -, aumentando il livello di sicurezza dei cittadini e riqualificando, dal punto di vista ambientale e funzionale, la viabilità con il rifacimento del sottofondo stradale, della pavimentazione degradata e dei marciapiedi, con annesso adeguamento della segnaletica orizzontale”.
Insomma, un percorso di riqualificazione complessivo che metterà via San Giovanni Bosco in totale sicurezza: “Questa opera, fortemente attesa dalla comunità, avrà un costo di circa 100mila euro. Ringrazio gli uffici per il lavoro prodotto e per quello che stanno svolgendo per l’attuazione degli ulteriori interventi che, come anticipato in Consiglio comunale, interesseranno la messa in sicurezza delle infrastrutture del nostro territorio.”, conclude Pompili.

Articolo precedenteLanuvio, incendio doloso in un terreno agricolo: la polizia locale denuncia un settantenne
Articolo successivoCovid. Francesco Lupoi (Studio Speri): “Servono incentivi e nuove professionalità per rilanciare turismo”