REDD: Sutri, nel Lazio, è il primo Comune ad avere organizzato digitalmente i propri archivi edilizi, attraverso l’intelligenza artificiale.

46

REDD: Sutri, nel Lazio, è il primo Comune ad avere organizzato digitalmente i propri archivi edilizi, attraverso l’intelligenza artificiale.

(MeridianaNotizie) Sutri, 29 novembre 2021 – Il comune di Sutri – che riunisce oltre 6.400 abitanti – ha adottato l’innovativo sistema ideato da REDD, la Start up fondata dall’Avv. Riccardo Delli Santi e partecipata da Banca del Fucino.

Sutri, nel Lazio, risulta così il primo Comune ad avere organizzato digitalmente i propri archivi edilizi, attraverso l’intelligenza artificiale (IA).

Applicare l’intelligenza artificiale (IA) ai documenti edilizi permette di riclassificarli, estraendone i metadati (data, istante, numero protocollo etc.) per rendere le pratiche edilizie e di condono facilmente reperibili e consultabili da tecnici e cittadini.

Tale operazione consente di facilitare la ricerca delle pratiche edilizie necessarie per la richiesta del Superbonus 110% oltre ad indirizzare al meglio il processo di rigenerazione urbana insito nel PNRR.

Alessio Toccarelli, Amministratore Delegato di REDD, ha dichiarato: “L’obiettivo del progetto avviato con il Comune di Sutri è stato velocizzare le operazioni di ricerca dei documenti oggetto di accesso agli atti dei cittadini, soprattutto dopo l’entrata in vigore della maxi detrazione fiscale per i lavori di riqualificazione energetica (c.d. Superbonus 110%).
La digitalizzazione non aiuta a ricercare e processare le informazioni: ecco perché REDD non si limita a scannerizzare i documenti, ma li analizza estraendone, con intelligenza artificiale, le principali informazioni.
Ricordiamoci che la rigenerazione urbana, nella quale il PNRR investe molto, non è possibile senza la documentazione edilizia originaria ai fini della dimostrazione della legittimità dell’immobile. Solo un archivio edilizio digitalizzato e facilmente consultabile permetterà di raggiungere gli obiettivi fissati dal Piano Nazionale di ripresa e resilienza.
Dopo questo primo test, i nostri sistemi, compatibili con tutte le piattaforme gestionali finalizzate all’interoperabilità dei servizi digitali, sono pronti per essere applicati a tutti gli archivi edilizi dei Comuni italiani garantendo una riduzione di tempi e costi”.

L’Arch. Luigi De Falco, responsabile ufficio urbanistica del Comune di Sutri, ha aggiunto: “Quando REDD ci ha proposto il suo servizio non abbiamo esitato. L’analisi ha permesso di digitalizzare l’archivio e, grazie ai metadati estratti, di ricercare i documenti attraverso diversi criteri facilitando l’accesso agli atti anche ai cittadini. La digitalizzazione delle pratiche di condono ancora inevase, semplificherà le istruttorie e accelererà il processo di ripristino della legalità sul territorio di Sutri che rappresenta anche uno degli obiettivi dell’Amministrazione del Sindaco Sgarbi”.
Maggiori info su REDD (Real Estate Documents & Data) sono disponibili su: www.redd-realestate-data.com

 

Articolo precedenteGrottaferrata, Pompili: “Protocollate le mie dimissioni, unica scelta possibile.”
Articolo successivoRoma, Assotutela: “Gualtieri, fotocopia sbiadita di Raggi”