Scuola, Futuro, Integrazione? La lettera di Rolando Roberti al Comune di Ardea

131

(MeridianaNotizie) Ardea, 5 novembre 2021 – Riceviamo e pubblichiamo la lettera di  Rolando Roberti, papà di due bimbi, un maschietto e una femminuccia che frequentano l’Istituto Comprensivo Ardea II, indirizzata al Sindaco di Ardea, Mario Savarese, al Vicesindaco, Morris Orakian, all’Assessore alla Cultura, Sonia Modica, al consigliere Paola Soldati, al ministero dell’Istruzione MIUR e alla Regione LazioSi tratta di un vero e proprio appello, a tutela degli alunni delle scuole nell’intento di trovare soluzioni politiche e culturali adeguate per ritagliare all’interno degli istituti, sempre più spazi adeguati dove gli studenti possono prendersi i loro momenti, in perfetta e totale dignità.

LA LETTERA DI ROLANDO ROBERTI

SCUOLA, FUTURO, INTEGRAZIONE?
È l’interrogativo che mi pongo, come molti altri genitori, nei vari territori italiani. Oggi avere un lavoro, una casa ed una famiglia, avere dei figli di cui prenderci cura, avere una responsabilità ed essere parte attiva in un processo di crescita dei bambini, TUTTI I BAMBINI, non solo i ns. deve essere il tema principale delle discussioni sociopolitiche attuali.

Discussioni che il ns territorio (Ardea) sembra aver dimenticato o non considerare.
Oggi ci dovremmo fortemente preoccupare, di restituire quella tranquillità, che i
nostri genitori ci avevano dato quando eravamo bambini, quella serenità che
sentivamo pensando al domani e che ha fatto in modo di farci credere nelle
potenzialità di ognuno di noi.
Oggi sembrano diventati drammi le bocciature dei figli o qualsiasi altra piccolezza,
come ad esempio la sconfitta della squadra di calcio preferita.
Preoccupazioni banali che ci fanno distogliere da quello che la realtà rappresenta
veramente.

Se da una parte preoccuparsi del futuro non serve ad altro che a renderci infelici,
non possiamo sottovalutare, anche in questo caso, quanto sia importante che
queste sicurezze le debbano dare gli organi istituzionali, lo stato, le regioni, gli enti locali e per ultimo, ma di primaria importanza le scuole, si! sempre le scuole.
Questo futuro, oggi più che mai, deve necessariamente passare attraverso quel
processo di integrazione che è l’inclusione, una parola a volte banalizzata ma che
rischia di portare conseguenze catastrofiche per il vivere collettivo di una comunità
e paese, che può far scivolare nell’oblio della degenerazione culturale e civile se
viene annullata.Non posso fare mistero al riferimento di quanto sia attiva e efficacie l’inclusione, anche nella vita scolastica, dei bambini “SPECIALI”.

Non possiamo e non dobbiamo nasconderci nell’alibi del “non mi riguarda”. Il
mondo a colori personale, che alcuni bambini vivono (sindrome di Down,
diversamente abili fino a chi ha il disturbo dello spettro autistico), deve
inevitabilmente intersecare e interagire con il “mondo normale” a cui siamo
abituati. Dobbiamo iniziare a capire e a muoverci per questo, perché quei
bambini/ragazzi e futuri uomini sono e devono essere una risorsa.

Ogni fine estate il mio pensiero, anche per una condizione familiare, và a tutti quei
genitori che devono affrontare il ritorno a scuola, i mille pensieri e le innumerevoli paure che naturalmente li assalgono e che sono fonti di preoccupazione.
Come ogni anno il 2 APRILE 2022 ricorrerà la quattordicesima giornata della
consapevolezza sull’autismo, arriviamoci preparati!

Questo secolo ha evidenziato, causa virus Sars Covid 2, le forti carenze sociali e
istituzionali e soprattutto di preparazione di uno stato fortemente impreparato.
Un periodo particolare, in cui si è affrontata una “guerra”, che per le famiglie di
questi ragazzi ha acuito il senso dell’abbandono, immaginando i loro sforzi per non
perdere il contatto con la scuola, faticando affinchè la DAD, non facesse in modo
di far perdere le relazioni con la scuola, con i compagni, con gli insegnanti e
comunque con la società.

Queste famiglie e soprattutto i loro figli, sono costrette, ancora oggi, ad un
isolamento dalla vita pubblica e sociale, sia per una mancanza di una rete di
coordinamento, di comunicazione e per la non integrazione totale tra la persona
con disabilità e il contesto socioculturale, ma anche per gli stessi operatori che
sono disorientati e impreparati, non per demeriti propri ovviamente, a gestire i loro
umori, messaggi e comunicazioni e soprattutto impreparati a gestire il loro tempo,
un tempo che gli appartiene e che devono avere, condizioni a volte anche più
frustranti per quelle famiglie, a cui manca l’aiuto delle istituzioni, anche locali.
Dobbiamo trovare soluzioni politiche ma anche e soprattutto culturali per
chiunque abbia un disagio, di qualunque natura, anche e soprattutto nel contesto
didattico e in tutti gli ambienti scolastici.

È necessario trovare un impegno diverso, affinché questi ragazzi, trovino all’interno
degli istituti, spazi adeguati dove poter prendersi i loro momenti, in perfetta e totale dignità e non doversi sentire esclusi ma inclusi in un percorso fondamentale che è la VITA, perché dobbiamo pensare, come scrisse e cantò tanto tempo fa’ Rino
Gaetano

IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU……… RENDIAMOLO SPLENDENTE

Sperando che si possa avviare un confronto tra l’ente locale, la scuola e i genitori,
per creare spazi condivisi per una crescita civile e culturale di tutti, perché i
bambini vanno a scuola con bambini “diversi” e se sentono dire dagli adulti “guarda
quello è nero, giallo oppure è strano” ti guardano come se ascoltassero una notizia
senza significato, ti guardano domandandoti, che cosa c’è di diverso?”

Saluti Rolando Roberti

Articolo precedenteDon Bosco, Ennio torna a casa: sgomberato daI carabinieri l’appartamento occupato da una nomade
Articolo successivoRoma, Assotutela: “Pulizia strade: piano Gualtieri è gioco di prestigio”