Terzo Settore. Paolo Capone, Leader UGL: “No al rinvio dell’Iva al 2024, è irrisoria per le casse dello Stato”

50

(MeridianaNotizie) Roma, 21 dicembre 2021 – “La scelta di rinviare di due anni, al 2024, l’applicazione dell’Iva per il Terzo Settore non è una soluzione, in quanto si tratta di ricavi irrisori per le casse dello Stato, ma soprattutto appare come un ulteriore intervento punitivo per le piccole associazioni. Il Terzo Settore è un comparto fondamentale per il Paese, basti pensare al ruolo centrale del volontariato che in questi anni ha sopperito ai tagli che sono stati inferti al welfare pubblico. Auspichiamo, pertanto, un netto ripensamento da parte del Governo e ribadiamo la nostra disponibilità a discutere di interventi per il rilancio e la tutela delle realtà del Terzo Settore”. Lo ha detto Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alla decisione della commissione Bilancio del Senato di rinviare di due anni l’entrata in vigore del regime Iva per il Terzo Settore.

Articolo precedenteTRASPORTI, PALOZZI(CAMBIAMO): “BUS IN FIAMME? GUALTIERI IN CONTINUITÀ CON RAGGI…”
Articolo successivoAriccia, al Parco delle Favole Incantate continua il Natale tra luci, eventi e personaggi fiabeschi