Monica Fasoli (Liberiamo Ardea) su canile Alba dog: “Caro Sindaco, facciamo chiarezza”

297

Riceviamo e pubblichiamo una lettera rivolta al sindaco di Ardea, Mario Savarese,  a firma di Monica Fasoli, referente del movimento Liberiamo Ardea, in merito alla vicenda del canile “ Alba dog” e dell’imminente trasferimento dei cani dalla struttura.

LA LETTERA DI MONICA FASOLI AL SINDACO DI ARDEA 

«Ho letto con piacere il comunicato stampa del Sindaco Mario Savarese riguardo la vicenda del canile “ Alba dog” e dell’imminente trasferimento dei cani di proprietà del Comune di Ardea. In merito, vorrei che il Sindaco pubblicamante rispondesse a questa mia perchè come tanti cittadini di Ardea che amano gli animali ci stiamo ponendo delle domande.

Al di là della spiegazione amministrativa che il Sindaco chiarisce, vorremmo in primis che dicesse la destinazione. Fino a pochi giorni fa i cani erano 120 circa e grazie ad un costante lavoro delle volontarie, alle quali faccio i miei complimenti, e dei tanti appelli sui social in pochi giorni ci sono state 30 adozioni, segno che quando si mette in moto la macchina solidale il riscontro si vede, ma ad oggi ancora non viene detto dove saranno “ deportati”.

Personalmemte avrei gradito lo stesso appello nella pagina uffuciale del Comune, ma non solo in questa spiacevole circostanza, ma anche nel passato per sensibilizzare le adozioni e per diminiure ovviamente il numero dei cani presenti nella struttura che comunque hanno un costo.

Sapere la distinazione, è di grande importanza alle volontarie che ogni giorno si prendono cura di quei sfortunati cani che invece di avere un gioco, delle cure o una carezza, vivono chiusi in gabbie e spesso, mi duole dirlo, hanno bisogno di attenzioni perchè vecchietti o depressi o semplicemnete associano la loro volontaria a mezz’ora di camminata, unico spiraglio di luce.

Tornando al comunicato, mi è saltato all’occhio la volontà di costruire un canile ad Ardea, cosa dovuta, ricordo che per legge i Comuni con oltre i 20 mila abitanti devono avere una prorpia struttura. Nel 2020 sono stati stanziati fondi per 10 milioni di euro per Enti locali con scadenza, per la presentazione del progetto, il 23 Giugno del 2021. Questi fondi erano destinati al finanziamento della messa a norma delle strutture pre- esistenti e per la progettazione di nuovi rifugi. I fondi Regionali ammontavano a 5 milioni nel 2021 e 5 nel 2022 destinati a Comuni in dissesto finanziario al fine di prevenire il randagismo. ( Gazzetta ufficiale 24/05/2021 art 4- legge 178/20)

Chiedo quindi al Sindaco, i fondi destinati al nuovo canile sono stati richiesti dietro progetto considerato il bando? Nell’articolo è specificato che i fondi sono stati inseriti in bilancio per la realizzazione, quindi non è stata considerata questa opportunità?

Il Progetto cosa prevede e il sito? Spero che non sia sfuggita questa opportunità. Non ho nulla contro il Sindaco, anzi, mi ha sempre accolto con molta gentilezza e cordialità, ma ho davvero a cuore la sorte dei nostri sfortunati amici e vorrei che ci fosse chiarezza nel tema, in primis la destinazione. Ricordo inoltre un progetto da me presentato nel 2018 che può essere utilizzato perchè in linea con tutte le normative vigenti e chiarisco che, per qualsiasi cosa si possa fare di positivo e propositivo per la comunità non esistono colori».

Monica Fasoli

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI ARDEA

VICENDA “ALBA DOG” E TUTELA DEGLI ANIMALI: I CANI DI ARDEA AVRANNO PRESTO UNA “NUOVA CASA”

Fra gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale di Ardea intende perseguire c’è sicuramente il benessere degli animali. Ed è per questo motivo che da alcune settimane gli Uffici dell’Ente stanno lavorando incessantemente per trovare una soluzione riguardo alla custodia dei cani trovati sul territorio di Ardea e custoditi in regime di canile sanitario e canile rifugio nella struttura “Alba Dog” di Pomezia.

«La tutela degli animali, e in questo caso dei cani ‘accalappiati’ ad Ardea, allo stato custoditi nel canile ‘Alba Dog’ di Pomezia – dichiara il Sindaco, Mario Savarese – è una delle priorità del Comune. È nostro dovere cercare di garantire loro condizioni favorevoli di vita: pertanto, alla luce dei risvolti di carattere giudiziario, in attesa che si chiariscano nelle sedi opportune alcune condotte, l’Amministrazione sta predisponendo gli atti necessari per il trasferimento di tutti i cani ospitati nel canile ‘Alba Dog’, nei modi e tempi che le normative vigenti consentono di fare. Per quanto riguarda la tutela degli animali, la nostra azione amministrativa sarà sempre improntata alla trasparenza e al miglioramento delle condizioni di vita dei cani. Presto, dunque, gli animali troveranno una ‘nuova casa’ e lo spostamento naturalmente avverrà in sicurezza. Al contempo – aggiunge il Sindaco -, puntiamo a garantire un maggiore accesso dei volontari per portare avanti il loro prezioso contributo, nonché a tutti coloro che intendono adottare i ‘nostri’ cani nella struttura che li ospiterà a partire dai prossimi giorni, così da poter provare ad accelerare le pratiche per garantire una nuova vita agli animali stessi».

Non solo. Oltre al trasferimento dei cani, c’è un altro obiettivo che l’Amministrazione di Ardea sta perseguendo: «Abbiamo inserito in Bilancio i fondi per realizzare un nostro canile – conclude il Sindaco -: lo faremo in una struttura nella disponibilità del Comune e nel più breve tempo possibile. Ribadisco ancora una volta che tutte le azioni che stiamo ponendo in essere sono finalizzate esclusivamente a tutelare gli animali e il loro futuro».

Articolo precedenteSuperbonus, Capolei (FI): “Continuo cambio norme crea confusione e penalizza settore edilizia”
Articolo successivoCittà Metropolitana di Roma, Andrea Volpi (FdI) eletto nuovo Presidente della Commissione Trasparenza