Piano Urbano di Mobilità Sostenibile a Lanuvio, giovedì 3 febbraio incontri online con Associazioni Sportive e Attività Commerciali

70

Piano Urbano di Mobilità Sostenibile a Lanuvio, giovedì 3 febbraio incontri online con Associazioni Sportive e Attività Commerciali

(MeridianaNotizie) Lanuvio, 1 febbraio 2022 – Il comune di Lanuvio sta collaborando, con la società Leganet S.r.l., alla redazione del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile: piano strategico della mobilità di medio-lungo periodo, basato sulla valutazione del bisogno di mobilità attuale e sulla definizione di scenari futuri.

L’amministrazione comunale ha pianificato un ciclo di incontri pubblici al fine di valutare le esigenze e le proposte delle principali categorie presenti sul territorio e migliorare la progettazione del piano stesso. Il primo di questi incontri si è tenuto il 20 dicembre scorso ed ha interessato gli Istituti scolastici, la Polizia Locale e la società di Trasporto Pubblico. I prossimi appuntamenti sono fissati per giovedì 3 febbraio ed interesseranno le Associazioni Sportive (alle ore 16.00) e le Attività Commerciali(ore 18.00)
“Si tratta- sottolinea il Vice Sindaco Andrea Volpi- di incontri partecipativi importanti per il futuro della nostra città nei quali amministratori, tecnici, cittadini e le principali categorie presenti sul territorio, condividono la progettazione del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile”.

E’ possibile partecipare alle riunioni on line attraverso i seguenti link.

PUMS con Associazioni Sportive – ore 16.00 https://global.gotomeeting.com/join/563575189

PUMS con Attività Commerciali – ore 18.00 https://global.gotomeeting.com/join/354022317

 

INFORMAZIONI
Settore VII – Tecnico: Assetto del Territorio, Edilizia Privata, Urbanistica, Programmazione del Territorio
Servizio I: Assetto del Territorio mail : [email protected] tel. 0693789238

Articolo precedenteRoma, controlli dei carabinieri: 18 persone multate, 7 denunciate, 25 sanzionate
Articolo successivoRoma, Diaco (M5S) su capitozzature: “Questi trattamenti distruggono il patrimonio arboreo capitolino, puntare sull’endoterapia”