Roma, controllo dei carabinieri presso la stazione ferroviaria Termini e aree limitrofi

34

Per tutta la giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Roma Scalo Termini sono stati impegnati in un servizio di controllo finalizzato al contrasto dello spaccio di droga, dei reati predatori e del degrado urbano e alla verifica del rispetto delle normative antiCovid19 nelle aree circostanti e all’interno della stazione ferroviaria Termini, per garantire una più sicura e libera fruibilità ai numerosi utenti e turisti in transito.

Al termine delle attività, una persona è stata arrestata, altre 5 denunciate e 8 sanzionate.

I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno arrestato un cittadino marocchino di 39 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, gravemente indiziato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato notato dai militari mentre, in atteggiamento sospetto, stava parlottando con una persona nei pressi della biglietteria di piazza dei Cinquecento. I Carabinieri hanno deciso di controllarli, ma quando si sono avvicinati, i due ha tentato di fuggire in direzioni diverse. Il cittadino marocchino, che prima di allontanarsi ha gettato a terra un involucro contenente mezzo grammo di hashish, è stato raggiunto e fermato mentre il suo interlocutore è riuscito a far perdere le proprie tracce. Nel corso delle verifiche, il 39enne è stato trovato in possesso di altre 5 dosi di hashish – per un peso complessivo di circa 3 g – e di un accendino, a cui era stato modificato il tappo inferiore, così da renderlo un contenitore per altri 5 g circa di hashish. L’accendino, le dosi di stupefacente e 270 euro in contanti trovati nelle sue tasche e ritenuti provento di illecita attività, sono stati sequestrati. L’arresto del cittadino marocchino è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ne ha disposto la liberazione in attesa di processo.

Quattro persone, tutte senza fissa dimora e con precedenti, sono state, invece, segnalate  dai Carabinieri per l’inosservanza del Dacur, cosiddetto Daspo Urbano. Poco dopo, è stato deferito anche un uomo poiché inottemperante al provvedimento del divieto di ritorno nel Comune di Roma.

Altre 4 persone, senza fissa dimora, sono state sanzionate, per complessivi 400 euro, per violazione del divieto di stazionamento nei pressi della stazione, con contestuale ordine di allontanamento per 48 ore dall’area.

Infine, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno sanzionato, per complessivi 1.600 euro, anche 4 persone, tre cittadini italiani e uno della Somalia, per il mancato uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

Articolo precedenteAnzio, il sindaco De Angelis : “Zero amministratori coinvolti, ma c’è chi esulta sulla mortificazione mediatica della città”
Articolo successivoSabaudia, 16 misure cautelari in un’operazione che vede coinvolti anche amministratori: coinvolta anche la sindaca