World Wetlands Day, il Comune di Pomezia celebra la biodiversità locale

41
(MeridianaNotizie) Pomezia, 2 febbraio 2022 – Il Comune di Pomezia celebra il World Wetlands Day, giornata internazionale che ricorre il 2 febbraio in occasione dell’anniversario dell’adozione della Convenzione sulle zone umide di importanza internazionale, firmata nella città iraniana di Ramsar 51 anni fa.
“Celebriamo il World Wetlands Day con l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di questi delicati e ormai rari ecosistemi che, oltre ad accogliere e conservare una ricca diversità biologica, sono in grado di contrastare i cambiamenti climatici assorbendo CO2 e mitigando gli effetti delle isole di calore urbane – ha evidenziato l’Assessore Giovanni Mattias – Ad oggi sono 50 i siti italiani riconosciuti e inseriti nell’elenco d’importanza internazionale stilato ai sensi della Convenzione di Ramsar, per tutelare tali zone. Pomezia presenta un importante patrimonio di aree umide, come le zone di bonifica Campo Selva e bonifica Campo Iemini e molte piscine naturali o laghi artificiali da valorizzare. A luglio abbiamo infatti presentato richiesta per istituire due nuove aree protette: una che comprende i due Geositi di Cava Tacconi e laghetti di Pratica di Mare, l’altra i residui di ecosistemi di Macchia Mediterranea e zone lacustri litorali presenti in passato a Torvaianica: le dune e bosco del Pigneto e bacini di Campo Selva. Vogliamo così completare un sistema di tutela organico e dare una rappresentatività degli ecosistemi presenti nel nostro territorio”.
Per l’occasione, il Comune di Pomezia partecipa a due eventi online:
• alle ore 11.00 il webinar “You have to throw a stone to get the pond ripple” all’indirizzo https://meet.google.com/ieu-spnv-nka
• alle ore 15:00 il seminario “Aree Umide e Cambiamenti Climatici” all’indirizzo http://www.ceamessina.it
Articolo precedenteODG,Trasparenza sui conti dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio. Ecco le cifre.
Articolo successivoLatina, M5S: presso la sede dell’ANMI la manifestazione “Il mio mare”