AMMINISTRATIVE, GROTTAFERRATA: ANDREOTTI: SU EX CAVALLINO AVEVAMO RAGIONE NOI

41

“Il Tribunale di Velletri, con la sentenza n. 820/2022 ha posto fine al giudizio di primo grado promosso dalla Philosophy nei confronti del Comune di Grottaferrata per la nota questione dell’immobile di Via San Bartolomeo comunemente denominato Il Cavallino. I giudici hanno respinto l’originaria domanda con cui la Philosophy pretendeva un risarcimento del danno per quasi 500mila euro, deducendo una malafede contrattuale della quale si sarebbe giovata l’Amministrazione al momento della stipula del contratto. La sentenza ha premiato le tesi del Comune tanto da accogliere completamente la domanda riconvenzionale presentata dall’amministrazione, condannando la Philosphy (oggi Sama Costruzioni s.r.l.) al pagamento della somma di 146.400 euro maggiorata di interessi (più altri 21mila euro per spese legali) per risarcire il Comune del mancato pagamento dei canoni di locazione. Una brutta vicenda, ricordiamo, iniziata durante l’Amministrazione Fontana con la chiusura d’imperio di una attività commerciale, proseguita con un bando di connessione di gestione del Cavallino. Sicuramente non una “best practice” di quella amministrazione che ha portato la zona a diventare uno dei “luoghi dell’abbandono”, con grave danno all’immagine della Città. Abbiamo cercato di risolvere il danno creato. Dopo quasi tre anni di contenzioso, questa vicenda giunge così a conclusione, con una sentenza che sancisce la buona fede e la correttezza della nostra amministrazione. Con buona pace di chi, in particolare nel Partito democratico, per anni ha sostenuto a torto il contrario”. Lo dichiara in una nota il candidato sindaco di Grottaferrata Luciano Andreotti.

Grottaferrata, 31 maggio 2022

Articolo precedenteCOUNSELING. IL “TEMPIO” DELLE NOSTRE CONVINZIONI
Articolo successivoLANUVIO, FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA CON LA BANCA POPOLARE DEL LAZIO