Ariccia città del Gusto. L’alleanza con Giordania, Slow Food Ariccia, Cerealia e Rete Mercati Contadini per promuovere il patrimonio alimentare del territorio.

53

Presso Parco Romano di Ariccia, sede del Mercato Contadino, l’Amministrazione
Comunale, rappresentata dal Presidente del Consiglio Michele Filosofi, e il delegato
dell’Ambasciata di Giordania in Italia, il Console Laith Obedait Whats, nell’ambito di
Cerealia Festival, nella giornata di domenica 19 giugno, hanno inaugurato un
percorso di cooperazione tra il Comune di Ariccia e le municipalità della Giordania
per la valorizzazione delle eccellenze alimentari del territorio.

L’ occasione di questo percorso è stato la presentazione della Pizza Mediterranea, il
progetto dello Chef, Renato Bernardi, realizzato in collaborazione con il Mercato
Contadino di Ariccia, nell’ambito del Festival Cerealia dedicato alla pizza
italiana, patrimonio mondiale UNESCO, per lanciare un messaggio di pace e di
cooperazione internazionale, contro tutte le guerre e le forme di oppressione e
violenza nel mondo.

Lo chef Renato Bernardi, ambasciatore della dieta Mediterranea nel mondo e gran
cerimoniere dell’iniziativa, è stato l’ideatore della ricetta di questa Pizza Mediterranea
che verrà riproposta dall’Agripizzeria di Parco Romano nelle serate estive.
Il presidente del Consiglio Comunale di Ariccia, Michele Filosofi, intervenuto alla
presentazione del progetto, nel tagliare il nastro con il rappresentante diplomatico
del Regno Hascemita di Giordania, ha confermato l’interesse dell’amministrazione
comunale alla promozione di questo percorso internazionale di cooperazione
alimentare, promosso da Cerealia Festival, dalla locale condotta Slow Food e
dalla Rete Mercati Contadini Roma e Castelli Romani.

“Questa Iniziativa valorizza lo scambio e l’arricchimento interculturale tra i paesi del
Mediterraneo su temi – quali l’alimentazione, l’ambiente ed il turismo – cruciali per la
comunità della Città di Ariccia e delle municipalità di Giordania interessate al
progetto. Negli ultimi due anni siamo stati forzatamente privati della nostra economia
e dell’indotto che i prodotti e il turismo rappresentano. Il buon cibo è una leva
decisiva nello sviluppo di azioni mirate alla promozione del territorio e le ricadute
positive che il comparto enogastronomico ha sul turismo ne sono testimonianza.
Ringraziamo anche i maestri infioratori di Genzano che hanno voluto dedicare al
progetto un mosaico realizzato con cereali e legumi. Ringrazio Slow Food, Cerealia
Festival , lo chef Renato Bernardi ed il Mercato Contadino di Ariccia, coordinato da Eva Castrucci, per aver lanciato questa importante iniziativa.”

Il portavoce di Slow Food Albano e Ariccia. Marco Casella, ci ricorda che “questa
pizza è realizzata con ingredienti di stagione provenienti da produzioni agricole
dell’agro romano, molte delle quali, come la melanzana e altri prodotti orticoli, sono
coltivati anche dei territori della Mezza Luna Fertile nelle numerose aziende agricole
realizzate nel deserto. Tecniche agronomiche e di uso delle acque che sono un
modello anche per la nostra agricoltura collassata per l’emergenza siccità. Mi viene
in mente la Rum Farm della valle della Luna in Giordania con 2000 ettari di terreno
in mezzo al deserto. Con questo progetto realizzato grazie a Paola Sarcina ed allo
Chef Renato Bernardi, iniziamo un percorso di valorizzazione del territorio fondato
sul legame esistente tra cucina, qualità dei prodotti agricoli e turismo”.
Con questa iniziativa ad Ariccia, ci ricorda lo Chef Renato Bernardi, abbiamo voluto
sancire l’alleanza tra le eccellenze enogastronomiche dei territori italiani ed esteri
per lo sviluppo del comparto turistico.

Paola Sarcina, l’ideatrice del Festival, conclude la manifestazione ricordando che
“Cerealia Festival, di cui il Mercato Contadino di Ariccia è uno dei soggetti fondatori,
con la tappa di Ariccia vuole valorizzare anche in questa magnifica città lo scambio
e l’arricchimento interculturale tra i paesi del Mediterraneo”.

Articolo precedenteMonte Porzio Catone – Incendi, Simoni(Lega): situazione sempre più allarmante
Articolo successivoEnergia. Paolo Capone, Leader UGL: “Utilizzare risorse Pnrr per tutelare indipendenza energetica nazionale”