Elettrochemioterapia: un’eccellenza del San Gallicano

13

Concluso all’ISG il 3rd Electrochemotherapy Clinical Training Course.

Sono oltre 15 anni che l’IRCCS Istituto Dermatologico San Gallicano utilizza l’Elettrochemioterapia (ECT) per il trattamento di tumori solidi sia superficiali che profondi, soprattutto per i melanomi.
Il San Gallicano ha fra le casistiche più alte in Europa di interventi con questa tecnica, fino a 100 l’anno. L’European ECT Training Center è affidato al nostro Istituto come riconoscimento della grande conoscenza ed esperienza acquisita nel campo.

L’ECT pur essendo poco invasiva è efficace in diversi stadi di malattia, sia nei tumori primitivi non candidabili alla chirurgia, che nelle recidive locali o nelle metastasi. Generalmente è ben tollerata dal paziente e può essere eseguita in combinazione ad altre terapia quali la radioterapia la chemioterapia o la immunoterapia. Si tratta di una scelta chirurgica personalizzata decisa e condivisa da un team multidisciplinare composto dal chirurgo, l’oncologo, il radiologo, l’anestesista e il farmacista. Grazie alle terapie oncologiche combinate con l’Elettrochemioterapia spesso si giunge a una cronicizzazione della neoplasia, ovvero al controllo della malattia per un lungo periodo di tempo, consentendo al paziente una qualità e un’aspettativa di vita buone.

Di recente si è concluso all’ISG il 3rd Electrochemotherapy Clinical Training Course.
I sei discenti provenienti tutti da strutture universitarie o ospedaliere d’Italia, specialisti nell’ambito della chirurgia plastica, chirurgia generale o dermatologia, hanno potuto seguire oltre alla sessione live in sala operatoria, una sessione didattica sugli aspetti che coinvolgono l’utilizzo della metodica: i dettagli tecnici dell’apparecchiatura, le peculiarità dei chemioterapici utilizzati, la selezione interdisciplinare del paziente, le indicazioni cliniche, l’utilità dell’ecografia, nonché il managment anestesiologico del paziente, e la gestione post operatoria ambulatoriale oppure a distanza con la telemedicina.

La dottoressa Emilia Migliano, e il dottor Antonio Bonadies sono gli organizzatori scientifici del corso.

Articolo precedenteARICCIA, TARGA DI MERITO A IVRIANO LANZI STORICO COMMERCIANTE DEL CENTRO
Articolo successivoDl Siccità. Paolo Capone, Leader UGL: “Governo intervenga per affrontare crisi idrica”