Dl Aiuti, si studia azzeramento Iva su pane e pasta. Codacons: Non basta, Iva su alimentari va azzerata del tutto

23

(MeridianaNotizie) Roma, 25 luglio 2022 -Si all’azzeramento dell’Iva su pane e pasta, ma la misura deve essere estesa a tutti i prodotti alimentari, perché non basta intervenire solo su tali beni. Lo afferma il Codacons, commentando le dichiarazioni odierne della viceministra dell’economia Laura Castelli.

L’elenco dei maxi-rincari che nell’ultimo periodo hanno interessato il comparto dell’alimentazione è lunghissimo, e rende necessario in intervento che abbracci tutti i beni alimentari – spiega l’associazione – Oggi un chilo di pasta, in base ai dati Istat rielaborati dal Codacons, costa in media il 22,6% in più rispetto allo scorso anno, mentre il pane è rincarato dell’11,4%. Coinvolti dagli aumenti dei listini anche frutta, verdura, latticini, olio, acqua, tutti beni primari di cui le famiglie non possono fare a meno, e per questo si rende indispensabile un intervento volto ad abbattere l’Iva e riportare i prezzi al dettaglio alla normalità – conclude l’associazione.

AUMENTO ANNUO PREZZI ALIMENTARI (giugno 2022)

ALIMENTARI

Olio di Semi 68,7%

Burro 28,1%

Pasta 22,6%

Farina 20,6%

Pollo 15,1%

Riso 13,6%

Uova 13,3%

Patatine Fritte 13,1%

Gelati 12,8%

Frutti di mare 12,5%

Latte conservato 11,9%

Verdura fresca 11,7% di cui:

– pomodori 19,4%

– insalata 8,1%

– radici, bulbi non amidacei, funghi 7,2%

Pane 11,4%

Frutta fresca 10,8% di cui

– pesche 18,4%

– pere 17,2%

-arance 15%

Pesce fresco 10,3%

Zucchero 9,5%

Succhi di frutta 9,2%

Latte fresco parzialmente scremato 8,3%

Acque minerali 8,2%

Olio di oliva 8,2%

Salse e condimenti 7,8%

Yogurt 7,6%

Patate 7,6%

Formaggi 7%

Caffè 6%

Articolo precedenteNettuno, al via le iscrizioni per il servizio mensa e per il trasporto scolastico
Articolo successivoDomani in Campidoglio il convegno dell’Osservatorio Nazionale Amianto a 30 anni dopo la messa al bando dell’asbesto