Roma, donna cinese indiziata di aver istigato e sfruttato ragazze connazionali indotte alla prostituzione

17

(MeridianaNotizie) Roma, 12 luglio 2022 – A seguito di una lunga e complessa attività d’indagine condotta da marzo dello scorso anno, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma piazza Dante hanno dato esecuzione ad un’ordinanza della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. nei confronti di una cittadina cinese di 45 anni, residente a Roma.

La donna è gravemente indiziata dei reati di istigazione, sfruttamento e favoreggiamento alla prostituzione di ragazze connazionali, che venivano inviate a lavorare in alcuni appartamenti, non solo nella Capitale.

Grazie all’attività investigativa dei Carabinieri, corroborate da attività tecniche e da servizi di osservazione, è emerso, infatti, che la 45enne, avuta la disponibilità di un appartamento in via Vetulonia, avrebbe ospitato delle ragazze, preventivamente reclutate, al fine di indurle a ricevere appuntamenti a scopo sessuale con uomini, sfruttandone l’attività che veniva pubblicizzata in particolari siti internet di annunci.

La donna, che risulta essere già stata arrestata nel 2011 a Firenze per lo stesso tipo di reati, è gravemente indiziata di aver tenuto parallelamente le redini dello stesso tipo di business in un paese della provincia di Savona.

Per tali motivi i due appartamenti individuati nel corso delle indagini sono stati sottoposti a sequestro preventivo.

Articolo precedenteIl Gruppo Steriltom acquisisce il capitale di Italtom Srl al 100%
Articolo successivoLago di Bracciano, rinvio a giudizio per i vertici di Acea Ato 2: FdI chiede le dimissioni dell’attuale DG Ama