TikTok: Antitrust accoglie impegni dell’azienda su Tutela Minori e monete virtuali

11

(MeridianaNotizie) Roma, 11 luglio 2022 – L’Antitrust accoglie gli impegni di Tik Tok sul fronte della tutela dei minori e dell’uso delle monete virtuali sul noto social network, e chiude senza elevare sanzioni il procedimento per pratiche commerciali scorrette avviato contro la società. Ne dà notizia il Codacons, grazie al cui esposto era stata aperta l’istruttoria dell’Autorità.

Il procedimento dell’Antitrust – ricorda l’associazione – era stato aperto il 29 aprile 2021 a seguito di esposto Codacons e riguardava le modalità di presentazione dei servizi offerti dalla società TikTok Technology Limited in relazione agli acquisti in-app effettuabili sulla piattaforma tramite le monete virtuali. In particolare il Codacons denunciava come TikTok non mettesse a disposizione dei consumatori gli elementi informativi essenziali per un’immediata e chiara percezione delle condizioni economiche relative all’uso degli oggetti virtuali acquistabili sulla piattaforma, con particolare rischio specie per i minori.

Gli utenti di TikTok possono inviare “regali virtuali” ai cd. creator di contenuti per esprimere il proprio apprezzamento. L’invio del regalo virtuale presuppone la disponibilità sul proprio account di “monete virtuali” che l’utente acquista sulla piattaforma. I destinatari dei regali, i cd. live streamer, possono convertirli in “diamanti” e, infine, trasformare i diamanti in compenso monetario secondo i criteri di calcolo definiti dalla piattaforma.

TikTok ha inteso aumentare il livello di trasparenza per gli utenti che acquistano le monete virtuali e le scambiano con regali virtuali, consentendo, quando si apre la piattaforma e si guarda una diretta video, di visualizzare i diversi tipi di regali disponibili e quante monete servono per acquistarli – scrive l’Antitrust nel provvedimento con cui accetta gli impegni della società – Le informazioni sono mostrate all’interno di un riquadro sullo schermo che può essere visualizzato sia prima sia dopo aver ricaricato il saldo monete. L’utente che ricarica il suo conto in monete virtuali riceve anche una notifica alla casella di posta TikTok (in box): viene così informato della quantità di monete virtuali acquistate e del corrispondente esborso sostenuto in valuta locale. Inoltre, TikTok ha attuato una serie di strategie per la verifica dell’età, a partire dall’utilizzo di una interfaccia utente neutra in app per il cancello della maggiore età: ciò significa che gli utenti devono inserire attivamente la loro data di nascita e non sono indotti a selezionare una data specifica o una fascia di età. Se un utente inserisce una data di nascita che indica la sua minore età, il processo di registrazione si arresta e viene temporaneamente inibita la relativa funzione anche se si tentasse di forzare il “cancello”, mentendo sull’età. Il professionista, inoltre, sta sperimentando altre misure volte a identificare e rimuovere gli account degli utenti che non rispettano i requisiti di età”.

Le misure proposte offrono concreti elementi per fornire ai consumatori consapevolezza circa le caratteristiche dell’acquisto che stanno per effettuare e aumentano significativamente la trasparenza sul prezzo delle monete e sul valore equivalente dei regali. L’utente avrà a disposizione in più occasioni, disseminate lungo le fasi del processo di acquisto, le informazioni sugli acquisti in-app, sulla quantità di monete virtuali acquistabili e l’entità del relativo esborso pecuniario, nonché sull’utilizzo degli oggetti virtuali. Peraltro, i miglioramenti informativi sopra descritti appaiono accompagnati da cautele maggiori in ordine al controllo dell’età degli utenti e da misure meglio organizzate per inibire l’accesso dei minori alle funzionalità connesse all’uso del denaro”.

Articolo precedenteFesta di San Benedetto: quarto e ultimo giorno di festa in onore del santo patrono di Pomezia tra cultura, musica e spettacolo
Articolo successivoUE. Paolo Capone, Leader UGL: “Il lavoro, anche in Europa, deve essere al centro dell’agenda dei singoli paesi”