Nuovo manuale di Comunicazione pubblica, Zarriello: “La PA deve ragionare da media company”

36

Nuovo manuale di Comunicazione pubblica,

Zarriello: “La PA deve ragionare da media company”

Per Roberto Zarriello “una buona comunicazione pubblica svolta dagli uffici stampa migliora la qualità del servizio pubblico e della democrazia stessa”

(Meridiana Notizie) Roma, 19 luglio 2022 – Come progettare, realizzare e gestire le politiche di comunicazione di un ufficio pubblico, da quello più alto a quello del più piccolo Comune. Regole e “segreti” della comunicazione pubblica sono spiegati e approfonditi nel “Nuovo manuale di Comunicazione pubblica”, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica, scritto da Sergio Talamo (Direttore della Comunicazione di Formez PA, giornalista e docente)e Roberto Zarriello(giornalista, docente e autore), con le prefazioni di Mario Morcellini e Gianni Letta.

All’interno del volume sono presenti anche i contributi di 37 professionisti della comunicazione di tutta Italia. Un lavoro pieno di dettagli e di esempi che fanno di questo Manuale un’opera essenziale per chiunque debba trasmettere professionalmente una Pubblica amministrazione. Un volume ricco di teorie, tecniche e strumenti utilizzati e da utilizzare per portare la PA a comunicare con trasparenza ed efficacia con i propri pubblici: dal cittadino in primis alle altre istituzioni. Un manuale di riferimento in materia che si pone anche come fondamenta per la nuova normativa di settore, la cosiddetta Legge 151 sulla comunicazione pubblica.

Le parole di Roberto Zarriello

Il libro approfondisce tutti i dettagli e le tecniche che devono essere padroneggiate da chi deve progettare, realizzare e gestire le politiche di comunicazione di un ufficio pubblico di qualunque grandezza”, ha spiegato Roberto Zarriello, esperto di brand journalism, docente di Comunicazione digitale e social media all’Università telematica “Pegaso” e coordinatore del Master in Digital Journalism dell’Università IUL. Zarriello insegna anche Brand Journalism alla Luiss (Mics) e ha all’attivo collaborazioni giornalistiche con Repubblica – Affari e Finanza, Huffington Post, Tiscali.it, e Poste News.
La comunicazione pubblica digitale – sottolinea Roberto Zarriello – è il risultato di un lavoro di gruppo che fa da scenario ai cambiamenti in atto: gli organi della PA devono avere un’identità digitale e ragionare da media company, sviluppando quindi un piano editoriale, una struttura, un’organizzazione di redazione. Una buona comunicazione pubblica svolta dagli uffici stampa migliora la qualità del servizio pubblico e dunque migliora la qualità della democrazia stessa”.

Gli autori

Sergio Talamo – Roberto Zarriello – Giulia Agostinelli – Chiara Bianchini – Carmen Bombardieri – Domenico Bonaventura – Paola Carra – Pietro Citarella – Simona Cortona – Angela Creta – Roberta Crudele – Simone d’Antonio – Francesco Di Costanzo – Agnese Fedeli – Gianluca Garro – Silvestro Giannantonio – Livio Gigliuto – Giuseppe Lanese – Anna Laura Maffei – Fabio Malagnino – Laura Manconi – Andrea Marrucci – Sergio Mazzei – Roberta Mochi – Claudia Onnis – Donatella Parracino – Marco Porcu – Mario Recupero – Lorella Salce Andrea Scartoni – Marianella Sclavi – Ulisse Spinnato Vega – Christian Tosolin – Alberto Truffi – Luigi Tucci – Cristina Zannier – Piero Zilio.

 

(A cura di Raffaele Natalucci)

 

 

 

Articolo precedenteBorsellino. Paolo Capone, Leader UGL: “Eroico sacrificio di servitori dello Stato sia esempio per giovani generazioni”
Articolo successivoLAZIO, PALOZZI(IAC): “SANITA’ IN DIFFICOLTA E CARENZA DI PERSONALE. REGIONE CHE DICE?”