Inflazione. Paolo Capone, Leader UGL: “Politiche industriali e riforma del fisco, vere priorità per il Paese”

11
“In una fase particolarmente critica come quella che sta attraversando il Paese, è più che mai necessario un governo stabile e coeso che affronti le numerose sfide legate all’attuale congiuntura economica. Le polemiche strumentali e ideologiche, come pure la discussione su provvedimenti altamente divisivi, rischiano di rallentare l’azione dell’Esecutivo e distogliere l’attenzione dai temi più urgenti per i cittadini, a cominciare dal lavoro. Come rileva il Presidente del Censis De Rita, l’aumento dell’inflazione rischia di spingere l’economia verso il basso, ma, al contempo, può rappresentare un’opportunità per intervenire sui nodi principali che frenano la crescita. E’ fondamentale, pertanto, concentrare la discussione sulle reali priorità per il Paese a partire dalle politiche industriali ed energetiche indispensabili per rilanciare lo sviluppo e accompagnare i processi di transizione in atto. E’ essenziale, inoltre, riaprire il tavolo della contrattazione per mettere in sicurezza i salari, salvaguardare il potere d’acquisto dei lavoratori e contrastare il sommerso. La crisi, come sostiene il Prof. De Rita, crea nuovi spazi per l’iniziativa personale. A tal fine, ribadiamo l’importanza di una riforma del fisco fondata sul taglio delle tasse al fine di erogare maggiore liquidità alle imprese e incoraggiare le assunzioni”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle misure volte a favorire la ripresa e a contrastare l’inflazione.
Articolo precedenteRoma, fine settimana di controlli interforze
Articolo successivoAriccia: Mercoledì 6 luglio alle ore 11 presso la Locanda Martorelli il Sindaco di Ariccia presenta il programma di iniziative estive