Rieti, arrestato extracomunitario già espulso dal territorio per reingresso non autorizzato

19

(MeridianaNotizie) Rieti, 22 agosto 2022 – Si comunica, ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti degli indagati (che, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, sono da presumersi innocenti fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza) che, nel corso degli ordinari controlli del territorio, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rieti, all’alba del 16 agosto 2022, hanno sottoposto a controllo un’autovettura condotta da un trentenne di nazionalità albanese lungo la statale “ternana”.

Il conducente, su richiesta dei militari, esibiva il passaporto e la patente di guida rilasciati dalle autorità Albanesi, riportanti la medesima data di rilascio. L’inconsueta coincidenza temporale insospettiva i finanzieri che, condotta la persona in caserma al fine di appurare la corretta identificazione e veridicità dei documenti, effettuavano maggiori e più approfonditi controlli, anche tramite il sistema di rilevazione delle impronte digitali.

Le indagini permettevano così di appurare che lo stesso aveva di fatto diverse generalità – ottenute attraverso la modifica, in patria, del cognome – e risultava gravato, oltre che da diversi precedenti penali, anche da un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, emesso nel corso del 2021 dalla Prefettura di Perugia e regolarmente eseguito attraverso l’accompagnamento alla frontiera.

Una volta scoperta la vera identità dell’uomo e accertato il suo rientro in Italia prima del decorso del termine stabilito (5 anni) senza la prescritta autorizzazione del Ministro dell’Interno, lo straniero è stato tratto in arresto per il reato di reingresso irregolare nel territorio nazionale, previsto e punito dal vigente Testo Unico sull’Immigrazione.

A seguito del rito direttissimo celebrato il giorno 17 agosto 2022 presso il Tribunale di Rieti, veniva convalidato l’arresto e disposta una nuova espulsione, immediatamente decretata dal competente Prefetto di Rieti. Pertanto, l’uomo è stato accompagnato dai Finanzieri, in coordinamento con la Questura di Rieti, a seguito della notifica del provvedimento, presso il CPR (Centro per il Rimpatrio) di Bari per un nuovo rimpatrio coatto in Albania.

L’operazione in rassegna si inserisce nel più ampio dispositivo attuato dalle Fiamme Gialle, anche a mezzo delle pattuglie operanti quotidianamente nell’ambito del servizio 117, a tutela degli interessi economici, finanziari e di sicurezza del Paese.

Articolo precedenteZoomarine: il 26 e il 27 agosto arriva “Eco Palio Aqua Summer del litorale romano”
Articolo successivoLatina, bilancio del piano straordinario dei controlli estivi della Guardia di Finanza