Roma, lotta al degrado e alla illegalità: controlli dei carabinieri nella periferia est romana

18

(MeridianaNotizie) Roma, 9 agosto 2022 – I Carabinieri della Compagnia di Frascati, con il rinforzo di decine di militari provenienti dalle Compagnie Roma Casilina, Velletri, Palestrina, Castel Gandolfo, Colleferro, Tivoli e Subiaco, hanno eseguito nuovi controlli nella periferia est romana – tra Tor Bella Monaca, Tor Vergata e Rocca Cencia – mirati a contrastare ogni forma di illegalità e di degrado.

L’attività rientra nell’ambito di un più ampio piano strategico pianificato dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma, in linea con l’azione fortemente voluta dal Prefetto di Roma Matteo Piantedosi in seno al Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

Ad esito delle attività, i Carabinieri, sotto lo stretto coordinamento della Procura della Repubblica di Roma, hanno arrestato 8 persone, identificato altre 92 e controllato 67 veicoli.

In una nota piazza di spaccio in via dell’Archeologia, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato un 34enne romano sorpreso a cedere alcune dosi di eroina ad un 51enne di Marino. Nelle tasche dell’uomo sono state rinvenute altre 9 dosi della stessa droga e 55 euro, ritenuti provento dell’attività illecita.

Gli stessi Carabinieri hanno anche arrestato una coppia di cittadini romani, lui 48enne e lei 37enne, sorpresi in via dei Cochi a cedere alcune dosi di cocaina ad un 45enne romano.

I due sono stati trovati in possesso di 28 dosi di cocaina e 330 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio.

Altre due persone sono finite in manette per possesso di sostanze stupefacenti. Si tratta di un 26enne egiziano trovato in possesso di 8 dosi di cocaina e 70 euro in largo Ferruccio Mengaroni a Tor Bella Monaca e un 22enne romano trovato in possesso di 29 dosi di cocaina e 5 di hashish in via dei Giardinetti a Tor Vergata.

Tutti gli arresti sono stati convalidati.

I Carabinieri della Compagnia di Frascati hanno anche arrestato due giovani nomadi, un 22enne e un 21enne, senza occupazione e con precedenti, fermati nel corso di un posto di controllo a bordo di un’autovettura e risultati, ad esito degli accertamenti alla Banca Dati delle Forze di Polizia, il primo, conducente del veicolo, da ricercare per arresto ai fini estradizionali per conto dell’Autorità Giudiziaria estera della Bosnia Erzegovina, in quanto riconosciuto colpevole del reato di furto aggravato e condannato alla pena di 8 anni di reclusione, e il secondo, passeggero, colpito da un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal Tribunale ordinario di Roma in data 8 luglio 2022. Gli arrestati sono stati portati in carcere.

I Carabinieri hanno poi arrestato un 67enne venezuelano, già noto alle forze dell’ordine, che fermato per un controllo è risultato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in regime di detenzione domiciliare, dovendo espiare una pena residua di 1 anno e 9 mesi per reati di droga. L’uomo è stato anche trovato in possesso di alcune dosi di hashish ed è stato, pertanto, segnalato al competente Ufficio Territoriale del Governo.

Articolo precedentePomezia, miglioramento anti-sismico della scuola “P.V.Marone”
Articolo successivoAnzio, incontro istituzionale con la campionessa di tennis Lucia Bronzetti