L’intervista a Gianluca Arrighi: il successo, il nuovo romanzo, il film

2439

(MeridianaNotizie) Roma, 18 agosto 2022 – Gianluca Arrighi è considerato tra i maggiori autori del giallo contemporaneo. Reduce dal recente successo del suo nuovo romanzo “La casa sul fiume”, libro da cui verrà tratto un film internazionale, è stato raggiunto dalla redazione di Meridiana Notizie per rispondere ad alcune nostre domande.

“La casa sul fiume” è stato tra i romanzi più letti dell’estate. Soddisfatto di questo suo ennesimo successo editoriale?

Certamente. Ogni volta che esce un mio nuovo romanzo spero sempre di non deludere le aspettative dei lettori e “La casa sul fiume” è stato accolto con grande entusiasmo, sia dal pubblico che dalla critica. Avevo solo qualche timore, fortunatamente poi rivelatosi infondato, perchè “La casa sul fiume”, a differenza delle attuali tendenze editoriali che optano sempre più spesso per la serialità, è un libro autoconclusivo, con un inizio, una fine e una storia che non prevede alcun prosieguo.

Vargo Film ha già acquistato i diritti cinematografici de “La casa sul fiume”.  Non teme che, come spesso accade, il film, per quanto ben fatto, possa rivelarsi deludente rispetto al romanzo?

Deludente direi di no, la Vargo è un’eccellente casa di produzione cinematografica e sono certo che realizzerà un bel film. Bisogna sempre ricordare come libri e film siano mondi separati che, seppur talvolta collegati tra loro, devono rimanere distinti. Se si guarda un film tratto da un romanzo con l’aspettativa di rivivere le stesse e identiche emozioni trasmesse dalla lettura, si rimarrà inevitabilmente delusi. Il libro, per sua natura, regala ai lettori una maggiore complessità della storia, lasciando spazio alla fantasia di ognuno nel plasmare personaggi e ambientazioni. Tutto ciò non può accadere in un film, dove volti e scene vengono imposti dal regista. Libri e film hanno presupposti differenti: i primi utilizzano la scrittura, e quindi la lettura; i secondi, invece, utilizzano immagini e sonoro, quindi la vista e l’udito.

Vargo Film ha sempre prodotto lungometraggi di alto livello e premiati in tutto il mondo, con star di Hollywood come Cristopher Lambert, Willem Dafoe e Dolph Lundgren e volti noti del cinema italiano come Maria Grazia Cucinotta e Luca Ward. Quali attori le piacerebbe che interpretassero il film tratto da “La casa sul fiume”?

Non associo mai i volti del cinema ai protagonisti dei miei romanzi. I professionisti che coordineranno il casting del film selezioneranno sicuramente gli attori più adeguati per interpretare i vari personaggi del libro.

Lei è tra gli scrittori italiani di maggior successo. Com’è cambiata la sua vita dopo aver raggiunto la popolarità?    

Ci sono stati molti cambiamenti, certo, ma tutto sommato continuo a condurre una vita assolutamente normale. Trascorro le giornate lavorando, tra le aule di giustizia e il mio studio legale. Scrivo e leggo molto. Cerco di passare la maggior parte del tempo libero insieme a mia moglie e alle mie figlie, porto ogni giorno il cane al parco e faccio molto sport.

È vero che lei è un ottimo nuotatore?

Sarei piuttosto cauto sulla qualifica di ottimo nuotatore. Diciamo che da tanti anni pratico regolarmente il nuoto, con allenamenti master, ma i risultati agonistici e sportivi, nonostante l’impegno, rimangono piuttosto scarsi. Per non parlare degli acciacchi, dovuti al fatto che ormai, ahimè, sono un nuotatore cinquantenne e attempato.

Per quale motivo diserta le occasioni mondane?

Perchè la sera preferisco restare in casa, dove mi rilasso cenando con gli amici, guardando film e ascoltando musica.

Lei però è molto disponibile con il pubblico, anche attraverso i social, dove la sua pagina Facebook ha oltre 30.000 follower. Dedicare tempo e attenzioni ai propri lettori è un piacere o un dovere?

Sicuramente un piacere. Curo in prima persona le mie pagine social, cercando sempre di rispondere a tutti. Senza i lettori, d’altronde, uno scrittore non avrebbe ragione di esistere.

Articolo precedenteSAVE THE DATE : Presentazione dello spazio dedicato al Mipaaf sul settore ittico
Articolo successivoVELLETRI, BRUOGNOLO (LEGA): ANCORA UN’AGGRESSIONE, SITUAZIONE SICUREZZA DESTA PREOCCUPAZIONE