TRA SABAUDIA, TERRACINA E FORMIA, TROMBA D’ARIA DEVASTANTE E ESONDAZIONE DEL FIUME RIO FRESCO (VIDEO)

682

Paura e sgomento nel basso pontino per il maltempo che devasta molte attività agricole e danni alle aree urbane. Panico tra la popolazione

– articolo di Massimo Catalucci

www.massimocatalucci.it

(Meridiananotizie) Roma, 29 settembre 2022 – Quando è ancora fresca la ferita per i danni causati dal maltempo e forse dall’incuria dell’uomo, in terra marchigiana, ecco un altro atto devastante della forza della natura che colpisce il litorale di Sabaudia, Terracina e Formia, creando panico tra la gente e ingenti danni alle attività produttive e nei centri urbani.

Nella giornata di oggi, sotto una pioggia battente continua, si è scatenata madre natura facendo esondare il fiume Rio Fresco che ha causato danni lungo la sua corsa al mare, portando con se detriti e si dice anche auto. A peggiorare la situazione già molto complicata, è stata la formazione di una tromba d’aria che ha, letteralmente, scoperchiato molte attività agricole.

Non si registrano, fortunatamente, danni a persone.

================================

VIDEO [fonte: pagina Facebook di sei di Terracina se…]

Tromba d’aria e esondazione del fiume Rio Fresco

====================================

Nella tabella che segue trovate tutti gli articoli a firma di Massimo Catalucci della rubrica riguardante la CRONACA  –  Cliccare sul link del “Titolo” che interessa per leggere l’articolo collegato.

Foto copertinaData pubblicazioneTitolo articolo (Link)
26/09/2022NIDIATA SULLA SPIAGGIA DI ARDEA: DUE NEONATE TARTARUGHE HANNO GIA’ PRESO IL MARE (VIDEO)
24/09/2022I BIOLOGI DEL “TARTALAZIO” TRASFERISCONO LE UOVA DELLE TARTARUGHE DALLA SPIAGGIA DI ARDEA AD UN INCUBATRICE DI MINTURNO (LT)
20/09/2022ARDEA, “TORRE MARINA”. IL “TARTALAZIO” A PROTEZIONE DEL NIDO IN SPIAGGIA DELLA TARTARUGA “CARETTA-CARETTA” (VIDEO)
28/07/2022ARDEA, TARTARUGA DI MARE DEPONE LE UOVA SULLA SPIAGGIA DI “TORRE MARINA” (VIDEO)
Articolo precedenteA Vignanello nel ricordo di Marco Pugliesi
Articolo successivo“Le ricette economiche per cambiare l’Italia”