CULTURA/ROMA, A VILLA ALTIERI PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA FINE DEL DIVERSO” DI MICHEL EMI MARITATO SU PIER PAOLO PASOLINI

46

Un libro per raccontare con coraggio e passione la storia e le vicende di Pier Paolo Pasolini, come nessuno ha mai osato fare. Nell’ambito del centenario della nascita di uno dei più grandi intellettuali italiani del Novecento, il prossimo 7 ottobre 2022, a partire dalle ore 18, presso Villa Altieri, in viale Manzoni 47 a Roma, si terrà la presentazione de “La fine del diverso”, l’ultima fatica letteraria del giovane e apprezzato scrittore romano, Michel Emi Maritato, ed edito da Herald Editore. A distanza di tanti anni, dunque, la vita e soprattutto la morte di Pasolini scuotono ancora l’anima di chi, attento ricercatore, colto e stimolato a raccogliere le giuste fonti non si accontenta di accogliere una conclusione come quella che è stata data. Così Emi Michel Maritato uomo di cultura, presidente di Assotutela, intellettuale, drammaturgo, criminologo, giornalista, ha costruito la sua ipotesi giornalistica in merito alla vicenda Pasolini. Maritato ha affrontato, sviscerato, studiato ogni più piccolo aspetto di questa morte violenta e impensabile tanto da promuovere spunti di riflessioni sostanziali e da accendere l’attenzione della Commissione parlamentare antimafia, presieduta da Nicola Morra.
Alla presentazione, prenderanno parte autorevoli personaggi ed esimi esponenti del mondo istituzionale, culturale, giuridico e intellettuale: Valerio de Gioia, giudice penale, L. Rino Caputo, presidente del Comitato nazionale per il Centenario dalla nascita di Pier Paolo Pasolini, Florinda Nardi, direttore del CLICI, Paolo Cochi, documentarista e scrittore, Aldo Onorati, amico e studioso di Pasolini, e Mario Alberti, presidente dell’associazione culturale “La Terzina”. L’evento è patrocinato dalla Città Metropolitana di Roma Capitale e dal comitato nazionale per il Centenario dalla nascita di Pier Paolo Pasolini. Il ricavato del libro, fa sapere Michel Emi Maritato, sarà devoluto in beneficenza, per finanziare, “ad esempio, azioni buone come quella del recupero e il reinserimento sociale dei detenuti. Inoltre chi comprerà il libro sosterrà l’attività di realtà importanti del nostro territorio come l’ospedale Bambin Gesù, la casa famiglia di Rocca di Botte Acero rosso e la fondazione Santobono di Napoli”.

Articolo precedenteAma, Diaco (M5S): “Pace ammette fallimento raccolta porta a porta e conferma aumento Tari: una classe dirigente completamente inadeguata”
Articolo successivoComune di Pomezia: nuovo Protocollo con Clinica Sant’Anna