ARICCIA, TORNANO GLI EVENTI DI “FRASCATI SCIENZA”

43

In continuità con il percorso già iniziato lo scorso anno, la città di Ariccia sarà protagonista anche in questa edizione di “Frascati Scienza”.

In particolare il 30 settembre e il 1 ottobre si svolgerà l’evento “Essenze arboree da Parco Chigi all’Appia Antica” un’escursione guidata tra ambiente, paesaggio e archeologia. Il primo appuntamento sara’ riservato alle scuole e si svolgera’ all’interno della “Notte Europea dei Ricercatori 2022”; il 1 ottobre invece, si ripeterà lo stesso evento, ma sarà aperto a chiunque vorrà partecipare.
La Passeggiata naturalistica-archeologica inizierà’ a Parco Chigi e raggiungerà l’Appia Antica all’altezza della Sostruzione, passando per il centro storico di Ariccia.
Durante il percorso saranno illustrate le caratteristiche del paesaggio, le emergenze architettoniche e archeologiche, le essenze arboree presenti nel Parco che costituiscono un unicum nel contesto territoriale.

“Siamo estremamente soddisfatti – hanno commentato il Sindaco di Ariccia Gianluca Staccoli, Irene Falcone Consigliere Comunale delegata alla Scuola e Anita Luciano Consigliere Comunale con delega ai rapporti istituzionali con le Associazioni – di poter continuare il percorso iniziato lo scorso anno sul solco della divulgazione scientifica sia per le scuole che per tutti i cittadini. Il nostro ringraziamento va a Filomena Anna Russo, responsabile dell’Ufficio di statistica e censimento e referente del progetto “Frascati Scienza” per il comune di Ariccia per il lavoro svolto e l’impegno profuso nel progetto La Notte Europea dei Ricercatori 2022 LEAF”.

L’appuntamento sara’per venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre dalle ore 9:30 davanti a Palazzo Chigi in Piazza di Corte.
Entrambi gli eventi sono gratuiti con la prenotazione obbligatoria sul sito di “Frascati Scienza”
https://www.frascatiscienza.it/fsapp/evento/87

Articolo precedenteAppio-Tuscolano, droga e spacio:  9 persone arrestate in pochi giorni
Articolo successivoAma, Diaco (M5S): “Pace ammette fallimento raccolta porta a porta e conferma aumento Tari: una classe dirigente completamente inadeguata”