Reddito cittadinanza: Rossi, UGL Roma: “Nella Capitale 18 mila percettori idonei per lavori socialmente utili”

10

Reddito cittadinanza: Rossi, UGL Roma: “Nella Capitale 18 mila percettori idonei per lavori socialmente utili”

Per Rossi “Roma è una città importante e piena di problemi, questo esercito di 18 mila persone nei fatti rimane a casa percependo semplicemente il Reddito”

(Meridiana Notizie) Martedì 20 settembre 2022, Roma – “Tutti coloro che hanno fatto domanda per il Reddito di cittadinanza e che hanno firmato il patto del lavoro, avendo delle idoneità per questo, possono essere impiegati dai Comuni nei lavori socialmente utili, ma a Roma solo poche unità sono state utilizzate per questo servizio”. Lo ha dichiarato Ermenegildo Rossi, Segretario Ugl Roma e provincia del sindacato Ugl, a margine dell’ultima tappa del tour nazionale organizzato dal sindacato “Vota per il lavoro” dal titolo “Dal reddito di cittadinanza al reddito di responsabilità” per ribadire le priorità del sindacato da consegnare al governo che verrà.

“Secondo i dati del 2021 – ha aggiunto – su 37 mila persone che nel Comune di Roma percepivano il Reddito di cittadinanza, 18 mila potevano essere impiegate per lavori socialmente utili, ma di queste è stata utilizzata forse qualche unità”. Il segretario ha spiegato che si tratta di “un servizio che porta a Roma un aiuto ai cittadini, al sociale, al culturale” grazie a “persone che vengono pagate attraverso il Reddito. Nel 2020 l’Inail e il ministero del Lavoro ne hanno determinato persino l’assicurazione. In Italia abbiamo migliaia di persone che potrebbero essere utilizzate in questo senso ma non lo sono e a Roma, una città importante e piena di problemi, questo esercito di 18 mila persone nei fatti rimane a casa percependo semplicemente il Reddito”.

Articolo precedenteAriccia, ieri a Palazzo Chigi l’incontro per la candidatura della “Via Appia, Regina Viarium”
Articolo successivoAd Ariccia, sull’Altana di Palazzo Chigi,  arriva la mostra di libri e opere tattili “Sensi Unici”