Lavoro. Paolo Capone, Leader UGL: “Trasformare reddito di cittadinanza in reddito di responsabilità per tutelare coesione sociale”

45

(MeridianaNotizie) Sabato 1 ottobre 2022-“È fondamentale mantenere un sistema di welfare adeguato al fine di garantire la coesione sociale. In una fase particolarmente complessa occorre tutelare il potere d’acquisto dei lavoratori colpiti dall’inflazione. Il reddito di cittadinanza ha svolto una funzione importante in un momento difficile come quello della pandemia garantendo sostegno a chi ne aveva bisogno. Tuttavia non andava inclusa in una misura assistenziale anche la parte relativa alle politiche attive di avvio al lavoro. Il reddito di cittadinanza deve diventare reddito di responsabilità. Occorre, in tal senso, vincolare a un approccio più responsabile sia chi ne beneficia che il sistema Paese. Una soluzione proposta dall’UGL è quella di destinare il reddito percepito in contributo a favore delle aziende, che a loro volta si impegnano a garantire l’assunzione dei percettori. Le liste dei percettori, inoltre, vanno rese pubbliche e devono potervi accedere imprenditori, agenzie interinali, consulenti. Per quanto riguarda la riforma delle pensioni è fondamentale superare la Legge Fornero. In tal senso, come UGL, riteniamo essenziale partire da una misura come Quota 41 che favorisce il turnover generazionale e incentiva la flessibilità in uscita dal mondo del lavoro”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in occasione dell’incontro “Le ricette economiche per cambiare l’Italia” svolto a Roma. Tra gli altri, hanno preso parte all’evento Daniele Capezzone, giornalista e scrittore, Paolo Petrecca, direttore di Rai News 24, Federico Iadicicco, Presidente ANPIT e Guido Crosetto, imprenditore.

Articolo precedente“Le ricette economiche per cambiare l’Italia”
Articolo successivoEUROPA VERDE: SE CONFERMATA, LA DECISIONE DELL’AMA È SCONCERTANTE. MENTRE ROMA È INVASA DAI RIFIUTI SI RIDUCE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA