Nomentano, incendio a Villa Massimo. Fdi: “Sfiorata la tragedia, giunta Del Bello e Gualtieri immobili”

16

(MeridianaNotizie) Roma, 10 novembre 2022 – “L’incendio che stanotte ha distrutto l’ex Casina dei Pini a Villa Massimo è la fotografia dell’incapacità dell’Amministrazione Del Bello che governa il Municipio II dal 2016”. A renderlo noto sono i Consiglieri municipali Holljwer Paolo e Sandra Bertucci (Fratelli d’Italia) che spiegano: “Quello di Villa Massimo e della casina dei pini  è un caso che denunciamo dal 2017, ovvero da quando per problemi burocratico-amministrativi fu chiusa tutta l’area, poi definita in parte abusiva da una sentenza del Tar e del Consiglio di Stato, sulla quale il Municipio e l’Amministrazione Capitolina sarebbero dovuti intervenire per risolvere una questione davanti alla quale, invece, non è stato fatto nulla”.

Questa notte si è rischiata la tragedia, un rogo che ha distrutto tutto e che avrebbe potuto propagarsi alle vicine palazzine. Ci aspettiamo degli interventi immediati di bonifica da parte dell’Amministrazione! Come Fratelli d’Italia – aggiungono – abbiamo richiesto un Consiglio Straordinario chiedendo alla Presidente Del Bello di relazionarci sulle motivazioni che l’hanno spinta, nelle sue gestioni, a non prendere alcuna iniziativa per entrare in possesso del bene e, successivamente, per sanare quanto necessario”.

Dopo anni di incuria e degrado, uniti all’indifferenza della Giunta municipale e di quella comunale, si è sfiorata la catastrofe. È solo per un caso fortuito – aggiunge Stefano Erbaggi, Consigliere del Comune di Roma – che l’incendio divampato nella notte non ha avuto conseguenze gravi o vittime. La Giunta Del Bello spieghi le ragioni di tanta indifferenza e, soprattutto, dell’immobilismo mostrato in tutti questi anni. Tempo perso del quale la Sinistra dovrà rendere conto”.

Articolo precedenteECOSISTEMA URBANO 2022, MATTEONI: “MALE ROMA. ACCELERARE SU RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E AMBIENTALE”
Articolo successivoPiazza Bologna, ennesima sospensione della licenza da parte del Questore per un bar