Roma, 100 sanzioni ai pubblici esercizi: chiusa dalla polizia locale una discoteca che ospitava molte più persone del consentito

10

(MeridianaNotizie) Roma, 8 novembre 2022 – Stretta sui controlli per alta velocità e guida in stato di ebbrezza: gli agenti della Polizia di Roma Capitale hanno disposto posti di blocco  per  la verifica del tasso alcolemico dei conducenti in circolazione: oltre 500 gli automobilisti sottoposti al test preventivo e circa 700  le sanzioni elevate per mancato rispetto del codice della strada,  fra cui poco meno di 300 per  il superamento dei limiti di velocità.

Le verifiche hanno riguardato anche le zone ove sono presenti il maggior numero di locali, rilevando un centinaio di irregolarità di tipo amministrativo:  dalle infrazioni legate alla vendita ed al consumo di alcol,  musica ad alto volume ,  minimarket irregolari e diversi ampliamenti  della superficie esterna non consentiti, in modo particolare nei vicoli del centro storico.

Sgomberata e chiusa una discoteca nel VII Municipio, dove le pattuglie hanno scorto all’interno circa  1000 persone, un numero molto più elevato rispetto al consentito.  Il titolare è stato denunciato per mancato rispetto delle prescrizioni.

Sul tema della sicurezza gli agenti sono poi intervenuti per scongiurare una rissa in prossimità di piazza Bologna, dove era in corso una colluttazione tra due giovani , che sono stati divisi dagli operanti. Condotti negli uffici sono stati identificati. Indagini in corso per accertare la dinamica dei fatti e eventuali ulteriori responsabili.

Un cittadino di 30 anni, attualmente  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria,  è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale in zona Cipro, mentre era intento a picchiare la compagna.  Due agenti,  per fermare la sua furia,  sono stati  aggrediti e costretti alle cure mediche del caso.

Articolo precedenteARICCIA, IL 9 NOVEMBRE MODIFICA VIABILITÀ SUL PONTE MONUMENTALE 
Articolo successivoFISCO: STELLATO (CESFI), “APPELLO AL GOVERNO MELONI. SUBITO NUOVA ROTTAMAZIONE CARTELLE ESATTORIALI E RIFORMA AGENZIA ENTRATE E RISCOSSIONE“