Sanità. IPSA, digital health company specializzata nella logistica del farmaco, completa un round di investimento per 1,380 milioni di euro

18

 

Il co-investimento di Next4 attiva il Fondo Rilancio Startup gestito da CDP Venture Capital Sgr per 1 milione di euro

(Meridiana Notizie) Mercoledì 30 novembre 2022 IPSA, PMI innovativa piemontese specializzata nel campo della micro-logistica ospedaliera di farmaci, dispositivi medici ed emocomponenti, ha completato un round di investimento per 1,380 milioni di euro con il Fondo Rilancio Startup, gestito da CDP Venture Capital Sgr, nonché dall’investitore proponente Next4Production, holding di investimento fondata da Davide D’Arcangelo, Pierluigi Sassi e Angelo Paletta che era già entrato nel capitale di IPSA a maggio 2021.

IPSA è un’azienda Medtech che, grazie a importanti investimenti in ricerca e sviluppo, ha ideato una gamma completa di prodotti IoT (Internet of Things, o Internet delle cose), che, integrando hardware e software, supportano gli operatori sanitari dei reparti ospedalieri e delle sale operatorie nei processi di stoccaggio e distribuzione. Una serie di armadi e carrelli – intelligenti e interconnessi – che interagiscono tra loro e con gli utenti, consentendo processi integrati di tracciabilità e governo della distribuzione di farmaci e dispositivi medici. Una soluzione che consente da un lato di migliorare la sicurezza del paziente, riducendo il margine di errore degli infermieri nella somministrazione delle terapie, e dall’altro di efficientare tutto il processo di approvvigionamento di farmaci e di gestione delle farmacie ospedaliere e territoriali, diminuendo gli sprechi e di conseguenza ottimizzando i costi di un ambito che rappresenta oltre il 15% della spesa globale ospedaliera.

“Siamo molto orgogliosi di questo round di finanziamento che conferma la qualità delle nostre soluzioni, la loro competitività sul mercato e la loro funzionalità rispetto alle esigenze del SSN.  – Dichiara Michele Baronio, Amministratore Delegato di IPSA –Tutto questo ci dà oggi ulteriore spinta e fiducia per accelerare il nostro piano di sviluppo che ci vede diventare attori di riferimento del processo di trasformazione digitale dell’ospedale a beneficio della sostenibilità del sistema sanitario”. 

Il portafoglio di investimenti previsti nel piano di sviluppo di IPSA comprende progetti di consolidamento della piattaforma di soluzioni IoT e progetti di attuazione del piano di internazionalizzazione su alcuni mercati esteri: tutti strumenti funzionali all’obiettivo di diventare leader di riferimento nella digitalizzazione dei processi di micro-logistica ospedaliera. Il ruolo della digitalizzazione come leva di efficientamento dei servizi è oggi uno degli obiettivi primari della sanità. In Italia, infatti, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha fra i suoi obiettivi centrali l’ammodernamento del parco tecnologico ospedaliero, con investimenti di oltre 4 miliardi di euro previsti entro il 2026, che includono la digitalizzazione di circa 300 strutture sanitarie.

Determinante per il buon esito dell’operazione il ruolo di Next4Production che, quale investitore qualificato, ha attivato per 1 milione di euro il Fondo Rilancio Startup che opera esclusivamente in co-investimento con selezionati soggetti proponenti.

Quando abbiamo deciso di investire in IPSA eravamo certi che l’innovatività della sua proposta e la solidità del suo programma di sviluppo potessero essere di interesse anche per un investitore istituzionale. – Spiega Davide D’Arcangelo, co-fondatore di Next4 – In IPSA abbiamo visto il potenziale per un nuovo standard nella sanità italiana, una champion pronta a esplodere che aveva bisogno di un piccolo boost per scalare definitivamente non solo il mercato italiano, ma anche a livello internazionale dove peraltro sta già riscuotendo molto interesse e ha già acquisito importanti commesse”.

(A cura di Raffaele Natalucci)

Articolo precedente2 dicembre, OIL presenta il Rapporto mondiale sui salari 2022–23
Articolo successivoAl Campus Bio-Medico di Roma “Mobility Alliance, Insieme per il futuro della mobilità”